L'Università di Urbino ricorda Khaled Fouad Allam

1' di lettura 26/08/2015 - Il 10 giugno scorso moriva improvvisamente a Roma lo studioso di islamistica Fouad Khaled Allam, editorialista de La Stampa, docente nell’Università di Trieste e per ventisette anni presso l’Istituto superiore di scienze religiose “Italo Mancini” dell’Università di Urbino.

Allam aveva studiato alla Sorbona di Parigi, allievo di Mohammed Arkoun; era stato chiamato da don Italo Mancini ad insegnare a Urbino nel 1987. Autore di numerosi volumi, conoscitore profondo dell’Islam e del cristianesimo, si era impegnato a creare ponti tra Occidente e mondo musulmano, affinché si conoscessero senza pregiudizi e collaborassero.

L’Istituto superiore di scienze religiose lo ricorderà il 26 agosto alle ore 17:15 a Palazzo Petrangolini (Piazza Rinascimento 7) con gli interventi di Anna Maria Medici e di Piergiorgio Grassi. Si parlerà soprattutto del suo ultimo libro Il Jihadista della porta accanto (Piemme editore, 2015), che è un’acuta analisi del Califfato islamico, della situazione del Medio Oriente e delle prospettive che si vanno configurando.


   

da Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo"
www.uniurb.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-08-2015 alle 04:04 sul giornale del 26 agosto 2015 - 747 letture

In questo articolo si parla di attualità, università di urbino, khaled fouad allam, Istituto Superiore di Scienze Religiose "Italo Mancini"

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/anut





logoEV
logoEV