Università di Urbino, mercoledì 9 marzo a Pesaro l'incontro "Matematica e letteratura"

sala del consiglio provinciale “W.Pierangeli” di Pesaro 3' di lettura 03/03/2016 - Mercoledì 9 marzo Alessandra Calanchi ne discute con Gian Italo Bischi, autore di Matematica e letteratura. Dalla Divina Commedia al noir (Egea, 2015).

La sala “Pierangeli” del Consiglio Provinciale, in via Gramsci, 4 a Pesaro, ospita mercoledì 9 marzo alle 17,30 l’incontro con due docenti dell’Università di Urbino accomunati, tra l’altro, dall’appartenenza allo staff di “Urbinoir”. Alessandra Calanchi, docente di Letteratura e Cultura Anglo-Americana, e Gian Italo Bischi, ordinario di Matematica Generale, rivisiteranno la storia della letteratura attraverso le citazioni e i riferimenti più o meno diretti alla matematica e al mondo delle scienze esatte, raccolte nel volume di Bischi Matematica e letteratura. Dalla Divina Commedia al noir (Egea, 2015). L’incontro è organizzato da “Pesaro Scienze”, Gruppo di studio coordinato da Centro Internazionale di Studi “Urbino e la prospettiva”, Centro studi e documentazione naturalistica di Pesaro, Mathesis sezione di Pesaro, Società pesarese di studi storici.

"Questo libro" racconta Bischi nella prefazione "raccoglie una parte del materiale sparso che da un po’ di anni utilizzo per svolgere lezioni o conferenze sul tema generale (e generico) di "matematica e letteratura". Materiale che per la prima volta ho utilizzato nel 2009 per un intervento nell'ambito di "Orientamatica", il ciclo di lezioni organizzato annualmente dal centro Pristem a Milano, rivolte a studenti delle ultime classi di scuola media superiore. Infatti, una delle fatiche che si trovano ad affrontare gli studenti alle prese con l'esame di maturità è la realizzazione della tesina interdisciplinare, e spesso il problema maggiore è quello di collegare la matematica con le discipline umanistiche, in particolare con la letteratura. Allora mi sono messo volentieri a selezionare citazioni e considerazioni che potessero fornire spunti e collegamenti per le tesine, privilegiando ovviamente quegli autori che si studiano a scuola".

Il volume offre a studenti e docenti un "tour guidato" attraverso alcuni autori e temi nei quali matematica e letteratura si trovano in simbiosi. Attraverso brani di Dante, Leopardi, Sinisgalli, Calvino, Eco, Hoeg Giordano, e persino nei Simpson, si mostra come una solida conoscenza dei concetti di base e della terminologia della matematica abbia offerto tutta una gamma di metafore o analogie che hanno notevolmente arricchito la loro vena e letteraria, permettendo anche di utilizzare nelle loro opere oggetti e situazioni tratti dalle scienze matematiche. Ma si parla anche di autori, come Pirandello, Saramago, Poe, Conan Doyle, Sciascia, nei quali il lettore con competenze matematiche riesce a cogliere aspetti e chiavi di lettura che non sono accessibili a chi non ha quel tipo di cultura.

Gian Italo Bischi è docente di Matematica Generale e Metodi matematici per l’Economia presso l’Università di Urbino. Ha pubblicato articoli e libri sui modelli dinamici e le loro applicazioni alla descrizione di sistemi complessi. Si occupa anche di divulgazione, in particolare sulle connessioni fra la Matematica e gli altri campi del sapere, nell’ambito delle attività del Centro PRISTEM.


   

da Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo"
www.uniurb.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-03-2016 alle 10:48 sul giornale del 04 marzo 2016 - 767 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, università di urbino, sala del consiglio provinciale, W.Pierangeli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/auoA





logoEV
logoEV