La petizione online: "Pesaro e Urbino in Emilia-Romagna"

1' di lettura 20/04/2016 - La prima proposta di legge Ranucci-Morassut per la riduzione ed aggregazione delle Regioni italiane ha significativamente inserito la Provincia di Pesaro e Urbino nella Macroregione Emilia-Romagna.

Gli estensori della proposta hanno tenuto conto di una situazione di fatto che vede la Provincia di Pesaro e Urbino gravitare da sempre maggiormente sull'Emilia-Romagna dal punto di vista sociale, culturale, sanitario, economico, identitario, turistico e persino linguistico, grazie anche alla forte cerniera tra territori costituita dalla Regione storica del Montefeltro a cavallo tra le aree di Pesaro e Urbino, Rimini, Forlì e San Marino.

Studi storici, geografici, linguistici ed economici, se non bastasse l'evidenza dei fatti, dimostrano che il contesto regionale di riferimento per la Provincia di Pesaro e Urbino è quello emiliano-romagnolo. In conseguenza di ciò la Provincia di Pesaro e Urbino sta anche, di recente, perdendo Comuni e territorio in favore dell'Emilia-Romagna, in base ad un processo democratico basato sulla Costituzione che, però, al di fuori di un vero e chiaro disegno amministrativo, sta minando la coesione di una Provincia storica e del relativo territorio.

La presente petizione chiede che il legislatore tenga conto dell'oggettiva situazione geografica della Provincia di Pesaro e Urbino e, all'interno della riforma dei confini amministrativi in corso, la collochi nella nuova Macroregione Emilia-Romagna.

Qui la petizione da firmare


   

da Matteo Bartolucci





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-04-2016 alle 17:55 sul giornale del 21 aprile 2016 - 1089 letture

In questo articolo si parla di attualità, emilia-romagna, pesaro e urbino, riordino territoriale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/av7p





logoEV