Wolf Week End, due giorni di studio del lupo nel territorio della Riserva Naturale della Gola del Furlo

lupo appenninico - repertorio - 1000px 2' di lettura 21/11/2016 - Nel week end del 26 e 27 novembre si svolgerà, nel suggestivo scenario della Riserva della Gola del Furlo, un corso di due giorni sulle tecniche di studio del lupo che si terrà nel rifugio Ca’ I Fabbri e negli ambienti naturali circostanti.

Saranno due giorni di alternanza di teoria e di pratica durante i quali, alcuni esperti di lupo guideranno i partecipanti in una full immersion nel mondo di questo carnivoro, da sempre al centro dell’attenzione, tra amici entusiasti e nemici ad oltranza, simbolo della natura selvaggia, ma anche fonte di preoccupazione da parte del mondo zootecnico.

Il corso è organizzato dal Centro Studi Faunistici ed Ecologici di Pesaro in collaborazione con Provincia di Pesaro e Urbino e Riserva Naturale Statale Gola del Furlo; l’evento è rivolto al vasto mondo degli appassionati di natura, per approfondire la conoscenza di questo misterioso animale: come, dove e perché studiarlo.

Questa possibilità ci è resa concreta nel nostro territorio, dove il lupo, che forse non è mai del tutto scomparso, è frequente con maggiore assiduità dagli anni ’90.

Nel territorio della Riserva della Gola del Furlo sarà possibile alternare lezioni teoriche per conoscere ecologia e biologia del lupo, ma anche l’origine di miti e leggende, con un occhio rivolto all’impatto della sua presenza nei confronti dell’uomo. Insieme alla teoria, le azioni pratiche ci permetteranno di indagare le metodiche di studio, toccando con mano come poter studiare il lupo. Sono previste apposite uscite con osservazione diretta, monitoraggio con fari, wolf howling, fototrappolaggio, in un territorio abitato da almeno una famiglia di lupi.

Queste metodiche sono le stesse utilizzate da un pool di tecnici a livello regionale che hanno portato, per la prima volta, a dare un’immagine un po’ meno offuscata della popolazione di lupo nelle Marche. Infatti, dopo 5 anni di studio in diverse aree interne delle Marche, si può delineare a sommi capi la presenza del lupo nel comprensorio regionale.

Insomma, un corso in cui gli esperti illustrano ad più ampio pubblico, i metodi scientifici normalmente utilizzati dai tecnici per studiare il lupo. I risultati che scaturiranno dalla due giorni, oltre che a gratificare i partecipanti, saranno messi a disposizione della Riserva per incrementare la banca dati faunistica del proprio territorio.

Per partecipare si può richiedere la scheda di iscrizione a centrostudiecolfaunps@gmail.com oppure telefonare al numero 338/5231226.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-11-2016 alle 20:31 sul giornale del 22 novembre 2016 - 329 letture

In questo articolo si parla di attualità, furlo, lupo, gola del furlo, Riserva Naturale Gola del Furlo, wolf week end

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDKS





logoEV