In cinquantamila per i vent'anni della Befana di Urbania

4' di lettura 09/01/2017 - La Festa Nazionale della Befana di Urbania ha chiuso sabato i battenti registrando oltre 50mila presenze arrivate da tutta Italia. A dare i numeri di una XX edizione riuscitissima, che si è svolta, ad ingresso gratuito, dal 4 al 7 gennaio, è il direttivo della Pro Loco Casteldurante, guidato dal marzo scorso, dal giovane presidente Francesco Bolognini:

È una soddisfazione indescrivibile poter dire di essere riusciti ad accogliere un’enorme folla di visitatori da tutta Italia e farla innamorare del nostro borgo. D’altronde è proprio questo che spinge i circa 100 volontari coinvolti nell’organizzazione dell’evento ad andare avanti, nonostante il freddo, nonostante gli impegni personali”.

Sta tutta qui - nell’amore per la propria città, quel gioiello dell’antica Casteldurante incastonato tra le colline dell’entroterra della Provincia bella - la forza di una manifestazione nata 20 anni fa come festa popolare trasformatasi negli anni in evento nazionale.

Credo che ciascuno dei 50mila visitatori – continua il presidente - abbia visto la gioia autentica che le aiutanti della Befana vivono nel partecipare all’iniziativa; la passione degli uomini della protezione civile che aiutano le vecchine a consegnare i doni nei camper, hotel e agriturismi nonostante il gelo, nonostante la neve; la caparbietà dei ragazzi che coordinano il programma, con tutte le esigenze necessarie per lo svolgersi delle attività, dei laboratori, degli spettacoli, dell’accoglienza degli espositori”.

Un evento dal taglio sempre più “nazionale” anche dal punto di vista mediatico. A dimostrarlo sono stati i servizi realizzati dalle testate giornalistiche nazionali, tra cui la rubrica “Costume & Società” del Tg2 (4 gennaio), il notiziario delle ore 21 di SkyTg24 (4 gennaio), Radio 1 con la trasmissione “Mary Pop” (7 gennaio), il servizio di San Marino RTV trasmesso il 6 gennaio, i numerosi servizi realizzati dalla TgR Marche e la diretta del 6 gennaio con il programma UnoMattina di Rai1 che ha trascinato in piazza del Comune, dalle 8.30, a -5°, circa 100 durantini. Un’attenzione particolarmente approfondita è stata inoltre data dalle redazioni giornalistiche locali “a cui va il nostro più sentito ringraziamento per aver snocciolato programma e curiosità della Festa. Il loro è stato un importante contributo all’evento” ha aggiunto Bolognini che ha poi elencato gli altri dati dell’evento.

Circa 1000 i pasti totali distribuiti al RistoBefana (pienone anche venerdì sera, per la tensostruttura che ha preparato i piatti tipici della tradizione culinaria locale). Oltre 400 i turisti “plein air”, arrivati da tutta Italia, (Bari, Torino, Modena, La Spezia, Napoli, solo per citare alcune città di provenienza) che hanno raggiunto l’antico borgo da mercoledì 4 gennaio e che hanno riempito i ristoranti di Urbania. Più di 50 appuntamenti tra cui 5 discese acrobatiche della Befana dalla Torre campanaria (1 ad hoc per UnoMattina), 4 sfilate della calza da record, 100 stand con prodotti tipici e di artigianato, circa 1000 euro raccolti per le popolazioni di Arquata del Tronto con il concerto di beneficenza del 4 gennaio.

Quello 2017 è un bilancio positivo – ha detto Alice Lombardelli, vice sindaco e assessore al Turismo di Urbania -. Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato in maniera attiva alla buona riuscita della festa, parlo soprattutto dei volontari che, da 20 anni, decidono di dedicare anima e cuore all’evento togliendo tempo ai propri impegni personali in un particolare periodo come quello delle feste natalizie”.

Lombardelli ha sottolineato poi il “bel rinnovamento che ha caratterizzato l’organizzazione. Non è scontato vedere così tanti ragazzi impegnati dal mattino a tarda notte per la propria città. Il loro entusiasmo ha dato bellissimi frutti. Un plauso inoltre va inoltre agli uomini e donne della protezione civile, della croce rossa e delle forze dell’ordine che hanno permesso alla manifestazione di svolgersi in totale sicurezza e alle istituzioni, tra cui la Regione Marche, da sempre vicina alla Festa”.

Gli eventi dell’ultima kermesse de “Il Natale che non ti aspetti”, progetto promosso dal Comitato provinciale Unpli (Unione nazionale delle Pro loco d’Italia) in collaborazione con la Regione Marche, si sono chiusi con l’esibizione di ginnastica artistica a cura di ASd Ergos di Urbania, gli spettacoli interattivi de “Gli Sbandati marching band”, quello di bolle in piazza Duomo, quello di musica e fuoco, quello dell’Asd Passi di Danza e quello di clownerie.

Evento conclusivo della XX edizione della Festa Nazionale della Befana sarà l’atteso “Non ci resta che ridere”, lo spettacolo scritto, diretto ed interpretato da Pippo Franco. Il Teatro Bramante ospiterà il pirotecnico turbinio di barzellette, sketch e battute proposte dal grande comico alle ore 21.15 (info Iat Urbania - T. 0722.313140).

Ha chiuso le esibizioni all’aperto, alle 19, l’estrazione dei numeri vincenti della Lotteria “Vinci con la Befana”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-01-2017 alle 01:06 sul giornale del 09 gennaio 2017 - 337 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbania, befana, festa nazionale della befana

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aFgX





logoEV
logoEV