Teatroltre, la Carrozzeria Orfeo porta in scena al Sanzio il suo "Animali da bar"

Teatroltre, Carrozzeria Orfeo porta in scena al Sanzio il suo "Animali da bar" 3' di lettura 04/05/2017 - TeatrOltre - rassegna multidisciplinare di teatro, danza e musica realizzata su iniziativa dell’AMAT - prosegue a Urbino martedì 9 maggio al Teatro Sanzio con il contributo del Comune di Urbino con la compagnia Carrozzeria Orfeo e il suo Animali da bar, spettacolo vincitore Premio Hystrio Twister 2016 dall’impronta pop e dal riso amaro, di un abbagliante livore metropolitano popolato di frustrati, reietti, delusi e disperati scritto da Gabriele Di Luca.

Un bar abitato da personaggi strani: un vecchio malato, misantropo e razzista che si è ritirato a vita privata nel suo appartamento; una donna ucraina dal passato difficile che sta affittando il proprio utero ad una coppia italiana; un imprenditore ipocondriaco che gestisce un’azienda di pompe funebri per animali di piccola taglia; un buddista inetto che, mentre lotta per la liberazione del Tibet, a casa subisce violenze domestiche dalla moglie; uno zoppo bipolare che deruba le case dei morti il giorno del loro funerale; uno scrittore alcolizzato costretto dal proprio editore a scrivere un romanzo sulla grande guerra. Sei animali notturni, illusi perdenti, provano a combattere, nonostante tutto, aggrappati ai loro piccoli squallidi sogni, a una speranza che resiste troppo a lungo: Carrozzeria Orfeo ci consegna con questo lavoro un altro capolavoro drammaturgico.

Appoggiati al bancone troviamo gli ultimi brandelli di un occidente rabbioso e vendicativo, fatto di frustrazioni, retorica, falsa morale, psicofarmaci e decadenza, oltre la porta c’è il prepotente arrivo di un “oriente” portatore di saggezze e valori… valori, però, ormai svuotati e consumati del loro senso originario e commercializzati come qualunque altra cosa. Tutto è venduto, sfruttato e contrattato in Animali da bar. La morte e la vita, come ogni altra merce, si adeguano alle logiche del mercato. “E quando l’alcol allenta un pochettino la morsa e ci toglie la museruola - scrive la compagnia nelle note allo spettacolo - è un grande zoo la notte… una confessione biologica dove ognuno cerca disperatamente di capire come ha fatto a insediarsi tutta quell’angoscia”.

“In Animali da bar - scrive Rodolfo Di Giammarco sulle pagine di “la Repubblica” - s’affacciano la crudeltà squallida e poetica dei fratelli Coen, e l’elegia bassa del primo David Mamet. Nel parlare cui s'abbandonano i fissati e gli emarginati che ruotano attorno al bancone di un locale, cogli il vocio visionario (a livelli assai più sgraziati) degli irlandesi al pub di Conor McPherson. Presenze tutte intense, con bei toni corali da blues della drammaturgia”.

La regia dello spettacolo è di Alessandro Tedeschi, Gabriele Di Luca e Massimiliano Setti. In scena ci sono gli attori Beatrice Schiros, Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Pier Luigi Pasino, Paolo Li Volsi con la voce fuori campo di Alessandro Haber. Le musiche originali sono di Massimiliano Setti, la progettazione scene di Maria Spazzi, i costumi di Erika Carretta e le luci di Giovanni Berti. Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con Fondazione Teatro della Toscana 2015 e Festival Internazionale di Andria Castel dei Mondi.

Biglietti 10 euro, ridotto 8 euro. Informazioni presso biglietteria Teatro Sanzio 0722 2281, call center 071 2133600, online su www.vivaticket.it. Inizio spettacolo ore 21.








Questo è un articolo pubblicato il 04-05-2017 alle 00:00 sul giornale del 04 maggio 2017 - 269 letture

In questo articolo si parla di teatro, spettacoli, teatro sanzio urbino, amat marche, animali da bar

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aIZN





logoEV
logoEV