Prende il via il corso di specializzazione sui Rischi Catastrofali naturali e antropici

Terremoto 2' di lettura 25/05/2017 - Prende il via oggi, 25 maggio, nel Collegio Internazionale di Piazza San Filippo a Urbino il Corso di Specializzazione "Rischi Catastrofali naturali e antropici: mitigazione, scenari, decisioni e assicurabilità dei beni".

Il corso è organizzato dallo Spin Off dell'Università di Urbino Geo.In.Tech. srl e da Schult'z Risk Centre, con il patrocinio dell'Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici (ANIA), Ordine dei Geologi delle Marche, Associazione Nazionale dei Risk Manager e Responsabili Assicurazioni Aziendali (ANRA) e Associazione Italiana Brokers di Assicurazione e Riassicurazione (AIBA) e vede il coinvolgimento del Dipartimento nazionale di Protezione Civile, docenti universitari, risk manager e broker assicurativi. Interverrà nella giornata di apertura il Brigadiere Generale Sergio Santamaria, Comandante del Raggruppamento “Sisma” dell’Esercito Italiano.

Scopo dell’iniziativa è fornire ai partecipanti gli strumenti per valutare gli aspetti del rischio catastrofale, la loro incidenza su strutture e infrastrutture del paese quali reti viarie, ferroviarie, dighe, servizi e reti sotterranee e sul contesto economico e sociale. Questi aspetti verranno correlati con le problematiche assicurative connesse alla copertura dei rischi catastrofali.

Il Corso è indirizzato a funzionari e dirigenti della Pubblica Amministrazione del settore tutela e pianificazione del territorio, ai dirigenti e funzionari delle Autorità di Bacino e dell’Agenzia del Demanio, a dirigenti e funzionari delle compagnie di assicurazione, a Risk Manager e a Broker assicurativi. Il corso inoltre si rivolge anche ai professionisti e ai laureati nelle discipline naturali ed economiche che intendano acquisire uno specifico ed elevato know‐how nella gestione del rischio catastrofale naturale o antropico. Per gli studenti universitari, compresi gli iscritti a corsi di dottorato di ricerca è prevista una quota di iscrizione ridotta.

Il ciclo di approfondimento, della durata complessiva di 16 ore, si dividerà in due moduli da 8 ore.

Il primo (coordinato dal Prof. Alberto Renzulli) è volto a dare le competenze di base per la valutazione del rischio sismico, di quello idrogeologico e vulcanico. Una parte del modulo avrà come argomento il ruolo della Protezione Civile nelle azioni di prevenzione del rischio.

Nel secondo modulo (curato dal Prof. Luigi Pastorelli) si affronteranno, il concetto di probabilità e di quantificazione delle perdite in caso di evento catastrofico e le problematiche riferite al trasferimento assicurativo e finanziario dei rischi naturali. Particolare attenzione si presterà all’Analisi dei Rischi mediante le Correlazioni con i “Big Data” applicati a tale ambito.


   

da Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo"
www.uniurb.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-05-2017 alle 00:00 sul giornale del 25 maggio 2017 - 348 letture

In questo articolo si parla di attualità, terremoto, urbino, università di urbino, corso, corso di specializzazione, catastrofi ambientali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aJH8





logoEV
logoEV