Circolo PD Trasanni-Torre: "Si va verso la chiusura della Scuola Primaria, il Comune fermi questo processo"

scuola| 2' di lettura 08/09/2017 - Anche il Circolo PD di Trasanni-Torre, di fronte alle scelte dell'attuale amministrazione comunale di procedere in direzione del graduale smantellamento della Scuola Primaria della frazione, ha deciso di rendere pubblica la propria posizione.

I membri del circolo, da tempo impegnati nella ricerca di soluzioni, lamentano in particolare la mancanza di una qualsivoglia dialettica di confronto tra i cittadini e il sindaco, il quale con un blitz improvviso ha occultato di fatto scelte di natura economiche nascondendosi dietro il paravento dell'integrazione. A dispetto di quanto possa pensare Gambini, a noi appare scontato che la scuola sia uno strumento fondamentale e insostituibile di coesione sociale per gli abitanti di una frazione grande come quella di Trasanni e contrariamente a quanto scritto in questi giorni il nostro obiettivo è sempre stato la salvaguardia di quest'ultima. In primo luogo consideriamo il valore storico culturale della Scuola Primaria un bene da difendere (la scuola ha 123 anni e fu istituita quando lo Stato Unitario Italiano nel 1894 iniziò l'alfabetizzazione delle campagne) sebbene ci appare ovvio che da un punto di vista unicamente di bilancio la scelta di spostare gli alunni a Urbino sia più accattivante in termini di risparmio (minori spese di riscaldamento, manutenzione degli immobili, ecc.).

Inoltre come si può pensare di parlare di integrazione chiudendo una scuola nel luogo in cui vivono gli alunni senza nemmeno prendere in considerazione la possibilità di attivare prima della chiusura dei processi virtuosi di coesione sociale attraverso progetti a lungo termine e che tengano conto di tutti i membri di quel determinato territorio?

Il circolo ha pertanto ritenuto opportuno, attraverso i propri consiglieri, di presentare una mozione dove chiedere al sindaco e alla giunta di fermare questo processo, sfruttando l'opportunità offerta dalla circolare della Gelmini, che permette grazie alla preventiva autorizzazione dell'Ufficio Scolastico Regionale di innalzare il tetto del 30% di alunni stranieri, in presenza di bambini di genitori extracomunitari, ma nati Italia e pertanto alfabetizzati alla lingua italiana; di attivare progetti orientati all'integrazione e alla multiculturalità che favoriscano l'iscrizione di alunni italiani e infine cercando un confronto con la cittadinanza affinché quest'ultima sia membro attivo della società civile e partecipe delle scelte politiche che la riguardano.


   

da Circolo PD
Trasanni-Torre San Tommaso





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-09-2017 alle 00:00 sul giornale del 08 settembre 2017 - 759 letture

In questo articolo si parla di scuola, urbino, politica, scuola primaria, trasanni, circolo pd di trasanni-torre

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aMNJ





logoEV
logoEV