"A partire da Ovidio" un ciclo di eventi per celebrare il bimillenario dalla morte

ovidio 2' di lettura 30/11/2017 - Anche Urbino celebra Ovidio. Letteratura, arte, musica, teatro, mostre e convegni promossi dall'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, il Dipartimento di Studi Umanistici (DISTUM), il Comune di Urbino, l'IIS Raffaello e l'Associazione culturale Rodopis, con il sostegno di Garden dell'Orologio di Taini Valerio & Pratelli Orietta s.n.c, BCC Metauro, Giusto Gostoli Materiali Edili e Montefeltro Libri.

Nel secondo millenario Ovidio rivive attraverso i seminari Ricerche e confronto: quattro gli incontri pomeridiani in cui giovani ricercatori si confronteranno sulle forme del pianto nella letteratura e nella storia antica (8, 15, 22 novembre e 6 dicembre, dalle 17 alle 19 nell’aula Clemente XI di Palazzo Albani), con la partecipazione straordinaria, il 29 novembre, del Professore emerito di Storia Romana Bertrand Lançon (Université de Limoges, Francia).

E ancora, il 30 novembre e il 1 dicembre, nei suggestivi spazi della Data - Orto dell'abbondanza, si terrà un convegno internazionale dal titolo Metamorfosi: identità in smottamento, che ospiterà studiosi quali il Prof. Francesco Remotti (Università di Torino) e il Prof. Massimo Fusillo (Università dell’Aquila) e raccoglierà ad Urbino giovani studiosi da tutto il mondo.

L'attrice e drammaturga Debora Pradarelli incontrerà le sculture dell'artista Giulietta Gheller in un'originale performance teatrale ispirata alle Metamorfosi ovidiane, prevista alla Sala del Maniscalco il 30 novembre alle ore 19.00, e in replica il 1 dicembre alle ore 21.00. Le opere della Gheller, arricchite da dipinti e disegni, saranno esposte alla Data in un'installazione permanente dal 2 al 17 dicembre.

Gli eventi proseguiranno meritoriamente lungo tutto l’arco del 2018, con una serie di incontri rivolti alla cittadinanza, letture accompagnate da musica volte a far ascoltare attraverso le parole del poeta classico la nostra cultura, il nostro passato, ma anche il nostro presente storico e umano.

La manifestazione vede attivi anche gli studenti dell'IIS Raffaello, che parteciperanno al laboratorio teatrale Heroides, coordinato da Alice Toccacieli e Roberta Agostinelli, dando vita a uno spettacolo originale, che sarà messo in scena a Urbino il 31 maggio 2018.

Le varie anime di Urbino dialogano in un cartellone che vuole valorizzare l'eredità culturale di un poeta che ancora sa parlarci, e dall'antichità ci porta lontano.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-11-2017 alle 00:00 sul giornale del 30 novembre 2017 - 234 letture

In questo articolo si parla di teatro, attualità, urbino, spettacoli, università di urbino, convegno, laboratorio teatrale, Ovidio, publio ovidio nasone, a partire da ovidio, ciclo di eventi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aPqT





logoEV
logoEV