La Lega e il recupero sociale delle periferie degradate del Comune di Urbino

urbino 2 ponte armellina 10/12/2018 - La notizia apparsa sul Resto del Carlino lo scorso 17 Novembre, con la quale il Sindaco Gambini, annunciava il recupero delle periferie degradate, non ha lasciato indifferente il gruppo locale della Lega, il quale ha subito messo a punto una serie di idee, concretizzatesi in un progetto di “riqualificazione sociale” delle stesse aree periferiche degradate.

Apprendere che il Comune di Urbino procederà prima di tutto con interventi di bonifica che interesseranno Canavaccio, Trasanni e Ponte Armellina, ha destato interesse per quelle zone da tempo sofferenti in qualità di servizi, aggregazione e sviluppo. Con un progetto ad ampio raggio, la Lega Urbino, intende farsi carico del recupero sociale delle stesse aree interessate dal recupero strutturale ed urbanistico, riferito dallo stesso Sindaco proponendo un progetto dettagliato che prenderà il via dall’analisi delle singole necessità, disagi e difficoltà emergenti di ogni quartiere e dopo aver focalizzato tutti i punti deboli e di forza, continuerà con l’individuazione degli obiettivi da realizzare al fine di soddisfare tutte le reali necessità dei residenti, secondo una scala di priorità dalle primarie alle secondarie, sotto la direzione di tecnici esperti di ogni settore di riferimento.

Si propone altresì, dopo aver avviato tutta una serie di iniziative sociali, rivolte indistintamente ai residenti, giovani, mamme e bambini, adulti ed anziani, di offrire sostegno alle start up, comprendendo la diffusione di nuova imprenditorialità proprio in quelle zone, la valorizzazione economica dei risultati, in regime di aiuto “Smart & Start”. Questo progetto di riqualificazione sociale studiato e proposto dalla sezione locale leghista, ricalca altri progetti già realizzati e pienamente soddisfacenti in termini anche economici, in altre città italiane ben più grandi e con problematiche anche di più difficile soluzione.

L’obiettivo che si è prefissato la Lega Urbino, è principalmente quello di apportare un valore aggiunto al lavoro di riqualificazione urbanistica prefisso dall’attuale amministrazione. Nulla è stato trascurato nel progetto che consta di due parti principali: 1) analisi e avvio della riqualificazione sociale; 2) obiettivi, strutture, ruoli e costi di realizzazione; infatti, dopo la programmazione di avvio e realizzazione della riqualificazione sociale rivolta a persone di tutte le fasce d’età e nazionalità, residenti sul territorio urbinate, sono stati valutati i costi di realizzazione, con un risultato molto incoraggiante, perché assolutamente sostenibili già attraverso le risorse esistenti.


da Federico Cangini
Portavoce Lega per l'entroterra urbinate





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-12-2018 alle 00:00 sul giornale del 10 dicembre 2018 - 935 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, politica, lega, ponte armellina, urbino 2, federico cangini, riqualificazione periferie, periferie degradate

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a2gV