Bocca Trabaria, l'ANAS nega la riapertura, i sindaci non ci stanno

bocca trabaria 4' di lettura 13/12/2018 - Continua a tenere banco la vicenda della chiusura del valico di Bocca Trabaria, bloccato dal mese di marzo da una frana. Mercoledì scorso l'Anas ha ufficializzato che è impossibile pensare ad un'apertura a senso unico alternato durante le fasi dei lavori, lasciando perplessi i sindaci marchigiani e umbri che si erano lasciati, nell'incontro di Perugia del 29 novembre, con un'apertura almeno a senso unico alternato molto probabile.

Nell'incontro in Prefettura, alla presenza dei Prefetti delle due Provincie, di Anas, del presidente della Provincia di Pesaro e Urbino Giuseppe Paolini e della Provincia di Perugia, dei sindaci di Borgo Pace, Mercatello sul Metauro e della umbra San Giustino, fortemente richiesto dagli amministratori del territorio, gli stessi hanno ribadito la necessità imminente di una riapertura del valico, anche a fronte del fatto che si va verso la stagione invernale e che, ad oltre mille metri di quota, i lavori sarebbero stati ripresi ed interrotti a breve.

Nella stessa sede Anas, nella persona dell'ingegner Raffaele Celia, Capo dipartimento di Anas per il Centro Italia, avevo espresso la possibilità da un punto di vista sia economico che progettuale di una riapertura limitata al traffico leggero. Da subito la Polizia Stradale, presente al tavolo con i vertici delle due provincie, aveva evidenziato dubbi in merito al persistere delle condizioni di sicurezza. Riguardo al presidio di 24 ore su 24 del sito stesso c'era stata la massima disponibilità da parte del presidente della Provincia di Pesaro e Urbino e dei sindaci presenti, disposti a farsi carico di questa sorveglianza.

Nel frattempo i lavori sono ricominciati e si attendeva l'imminente riapertura.

Nell'ultimo documento emesso ieri da Anas, unitamente alla Polizia Stradale, però si attesta che “non sussistono le condizioni di sicurezza per la riapertura della strada. La riapertura a senso unico alternato per le condizioni della strada non consente la coordinazione in sicurezza dei due sensi di marcia, indipendentemente dai presidi da predisporre” e che ci sarebbero altre 4 vie di comunicazione tra alta valle del Metauro e alta valle del Tevere percorribili dai cittadini.

Su questo punto Romina Pierantoni, sindaco di Borgo Pace, portavoce dei sindaci dell'Unione Alta Valle del Metauro, e il sindaco di San Giustino Paolo Frattini, che da marzo scorso combattono in prima linea per la riapertura, esprimono grande rammarico per il diniego e per il perdurare dei gravi disagi per la propria popolazione e si domandano quanto segue:

“Come mai Anas nega oggi quello che aveva garantito nell'incontro di Perugia? Non si è in grado di trovare una soluzione per garantire la sicurezza e quindi la riapertura della strada? Si parla di 4 strade alternative ma quali sarebbero? Sicuramente non le Fienaie che tra qualche giorno, con la neve alle porte, sarà chiusa al traffico. Inoltre quando si ipotizza la riapertura al transito “nel mese di aprile del 2019, compatibilmente con le condizioni meteo” ci si rende conto di dove si sta operando? È indubbio che da amministratori non chiediamo di aprire quello che non sarebbe sicuro, chiediamo solo di rendere sicuro quello che deve essere aperto.

Oggi più che mai ci sentiamo abbandonati da uno Stato di cui lamentiamo l'assenza e che fa vivere queste zone nell'isolamento e nell'abbandono.

Noi sindaci restiamo il primo presidio a cui i cittadini possono rivolgersi e con i quali possono lamentarsi, rimaniamo l'istituzione che in via prioritaria dà voce ai territori, ma troppo spesso siamo inascoltati dal governo centrale: noi però non ci rassegniamo e continueremo a chiedere con maggior forza la riapertura”.

Molto attivo in questa battaglia il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino, Giuseppe Paolini, che ha convocato per lunedì prossimo alle ore 16 un consiglio straordinario della Provincia a Lamoli di Borgo Pace, proprio ai piedi del valico di Bocca Trabaria. Non può tacersi, infine, in tal senso, che appare necessario ed indispensabile l'intervento fattivo degli enti regionali in rappresentanza di tutte le comunità coinvolte.


   

da Romina Pierantoni
Sindaco di Borgo Pace





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-12-2018 alle 20:06 sul giornale del 13 dicembre 2018 - 1859 letture

In questo articolo si parla di attualità, anas, mercatello sul metauro, borgo pace, frana, Comune di Borgo Pace, bocca trabaria, romina pierantoni, san giustino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/a2rI





logoEV
logoEV