Istituto Cappellini, il rammarico del Partito Democratico

anpi 2' di lettura 19/02/2019 - Il Pd di Urbino esprime profondo rammarico e tristezza per la vicenda che sta interessando in questi ultimi giorni l'Anpi e l'Istituto Cappellini, destinatari di un'ingiusta richiesta di sgombero da Via Oddi.

Era stata, all'epoca, una amministrazione di Sinistra a guida Pds a concedere gratuitamente il locale attualmente utilizzato, in considerazione dell'alto valore morale e delle nobili finalità di cui le due associazioni sono portatrici, per far sì che potesse essere meglio valorizzato e conservato l'ingente patrimonio librario e documentale di carattere storico relativo a uno dei periodi più significativi della storia d'Italia, che costituisce un vero e proprio bene culturale. A maggior ragione si era inteso collocare associazioni e archivio all'interno della città, affinché il locale potesse essere meglio raggiungibile e fruibile da parte dei cittadini e degli studenti che volessero documentarsi sugli eventi storici attraverso il materiale librario e audiovisivo presente.

Gambini si appella al libero recesso contrattuale, senza offrire valide sedi alternative che possano ospitare l'archivio e senza riconoscere le specifiche esigenze delle associazioni, che non potrebbero essere soddisfatte in una sede molto piccola. Così facendo, rischia di depauperare in maniera irreversibile una ricca fonte di informazioni, disperdendola e rendendola difficilmente consultabile. Il Pd di Urbino ritiene la Resistenza un valore da osservare e trasmettere alle generazioni presenti e future e perciò deplora il comportamento frettoloso adottato dal Sindaco, si oppone vivamente alla sua decisione e lo invita a più miti consigli e a valutare meglio la portata sociale, storica e culturale del patrimonio custodito dalle associazioni. Inoltre, si appella alla cittadinanza e al mondo studentesco, affinché facciano sentire la voce dell'indignazione. Dal canto suo, il partito si mette a disposizione delle associazioni per la loro salvaguardia e per la loro giusta valorizzazione.

Signor Sindaco, siamo proprio sicuri che applicando le previsioni contrattuali e di legge, in maniera acritica e senza una valutazione completa della situazione, si persegua il bene comune? È davvero questo il trattamento che Urbino e il circondario meritano, dopo aver contribuito molto alla causa della Resistenza?






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-02-2019 alle 20:36 sul giornale del 19 febbraio 2019 - 666 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, politica, redazione, partito democratico, anpi, partito democratico urbino, istituto per la storia del movimento di liberazione, istituto cappellini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/a4sH





logoEV
logoEV