Giornata della Donna, il Sindaco Gambini risponde alle dichiarazioni di Sinistra per Urbino

maurizio gambini sindaco di urbino 3' di lettura 08/03/2019 - Il Sindaco Maurizio Gambini risponde alle dichiarazioni di Sinistra per Urbino pubblicate sulla stampa in merito alle iniziative organizzate dall’Amministrazione Comunale in occasione della Festa della Donna.

«Le persone che parlano della mia deriva leghista sono la ragione per la quale sono uscito dal PC. Le mie idee e le mie origini sono di sinistra, mio padre, Antonio, è stato attivo promotore del Partito Comunista Italiano e io provengo da lì. Al di là degli ideali, però, le persone hanno distrutto il partito con la loro arroganza arroccandosi sulle loro posizioni con l’unico obiettivo di difendere i loro privilegi: è per questo che me ne sono andato ed è per questo che oggi a Urbino sono rimasti in tre in ciò che rimane del PC. La mia famiglia, come tantissime altre, ha sempre lavorato sodo e creduto nella politica buona a servizio dei cittadini, invece questi personaggi usano la politica per difendere i loro interessi. Emblematico è l’esempio della sede dell’Istituto Cappellini, che Torrico rivendica come suo perché la ritiene il frutto di un diritto acquisito, senza minimamente considerare il resto del contesto cittadino. Nelle forze politiche e civiche che mi appoggiano, invece, ho trovato persone equilibrate, con la voglia di lavorare per il bene di tutti i cittadini, di destra e di sinistra. Detto questo, i toni delle dichiarazioni sono di così basso spessore che, dopo aver spiegato il mio pensiero in questa occasione per rispetto verso i cittadini, non impiegherò più tempo a rispondere in futuro».

Entra a chiarire il merito della questione anche il consigliere comunale incaricato per le Pari Opportunità, Raffaella Vittoria: «Le iniziative organizzate per la giornata della donna, in quanto non festa, ma giornata di ricordo delle conquiste politiche, sociali ed economiche delle donne ed dei soprusi subiti nei secoli, sono rivolte all’affermazione dei diritti delle donne.

Abbiamo voluto celebrare l'importanza dell'uguaglianza dei diritti tra uomini e donne, un'uguaglianza che tuttavia nel mondo del lavoro, e non solo, stenta ancora a realizzarsi totalmente. Investire nella capacità delle donne e attribuire loro il potere di esercitare le proprie scelte non è soltanto un grande valore in sé, ma anche il modo più sicuro di contribuire alla crescita economica ed allo sviluppo generale. Ecco perché un aspetto da considerare è la necessità di equilibrare lavoro e famiglia, impresa molto faticosa in termini organizzativi e emotivi, ed è un tema che riguarda la vita di tutte.

L'incontro con le scuole secondarie di primo grado è stato organizzato insieme alla psicologa e psicoterapeuta Valentina Contento per sondare l’immaginario dei ragazzi rispetto a questa giornata, rimarcando quanto gli stereotipi di genere siano così sottilmente diffusi a partire dalle esperienze nei nostri primi anni di vita. Abbiamo argomentato il concetto di parità di genere, inteso come avere gli stessi diritti e le stesse opportunità. L’iniziativa rivolta agli istituti superiori a teatro stamattina (sabato) è una carrellata di profili biografici di donne che hanno speso la loro vita al servizio del bene comune e per la conquista dei diritti di libertà e di uguaglianza, di tutti i cittadini, uomini e donne, del proprio paese.

L’attacco di Sinistra per Urbino è solo strumentalizzazione politica, da campagna elettorale, che non c’entra niente con la giornata delle donne».






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-03-2019 alle 16:09 sul giornale del 08 marzo 2019 - 1786 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, festa della donna, vivere urbino, Maurizio gambini, sindaco di urbino, sinistra per urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a46X