Turismo, Liste a sostegno di Rosati: "Proiezioni artistiche spettacolari sui monumenti della città tutto l’anno"

urbino generic 4' di lettura 05/04/2019 - Per noi di CUT, Partito Democratico e Urbino al Centro, il rilancio di Urbino non può prescindere da una azione decisa in ambito turistico. L’approccio al tema deve essere completamente diverso da quanto fatto dall’attuale Amministrazione.

Il turismo deve essere affrontato come un vero e proprio comparto economico e, perciò, ha bisogno di politiche “industriali”, di interventi che poggino su una strategia ampia, su una visione a lungo termine, sulla messa in campo di risorse e competenze qualificate.

Questo significa rendere la città immediatamente percepibile come destinazione turistica, disponibile ad accogliere il turista con una serie di strumenti di base: una segnaletica adeguata, un ufficio turistico aperto nei momenti di bisogno del turista, materiale illustrativo di qualità, etc..

A partire da questo livello, il lavoro da fare sale di complessità, poiché è necessario il coinvolgimento degli operatori del settore, dell’accoglienza e della ristorazione, dei servizi, dell’organizzazione culturale, per condividere progetti e iniziative che convergano in una direzione univoca ed evitare che le scelte dell’Amministrazione siano orientate in maniera diversa da quelle dei diretti interessati. Quindi è necessario pianificare strumenti di comunicazione e promozione efficaci; attivare rapporti commerciali, strutturare accordi con il territorio per un’azione di marketing territoriale; sviluppare relazioni con soggetti ed enti - in primis la Regione Marche - per azioni potenti di promozione e commercializzazione mirata a mercati d’interesse.

In tutto ciò la pianificazione di eventi, di manifestazioni, di attività di attrazione, acquisiscono un valore diverso dalla situazione occasionale e diventano strumenti di arricchimento per i cittadini ed elementi motivazionali per i turisti, andando a selezionare tra pubblici diversi.

Operando con questa logica si riesce anche ad intervenire nel riqualificare le voci di bilancio, si possono convertire voci di spesa corrente in investimenti, in operazioni capaci di generare più valore di quello apportato.

Un esempio, tra i tanti, può riguardare l’uso di risorse fatto negli ultimi tre anni dell’attuale Amministrazione, che ha speso circa 400.000,00 euro per le luci del Natale, di cui, come si può ben vedere, non è rimasto nulla alla città, correndo il rischio di dovere spendere ancora 140.000,00 euro il prossimo anno. Piuttosto che questo sperpero, noi riteniamo più opportuno acquistare proiettori tecnologicamente adeguati, da posizionare in maniera stabile e strategica (Palazzo Ducale, Torricini, etc.) in modo tale da poter offrire, tutto l’anno in maniera continuativa, uno spettacolo unico di proiezioni artistiche e videomapping sulle facciate dei principali palazzi e monumenti della città, creando un’atmosfera di fascino indescrivibile e una conseguente ricaduta economica favorevole e di valore su diversi versanti. I contenuti delle proiezioni potranno essere realizzati dagli studenti dell’ISIA o dell’Accademia o della Scuola d’Arte, permettendo loro di avere un palcoscenico di primaria importanza per esprimere le loro capacità; devono essere indetti anche concorsi o avere artisti di fama quali autori; le proiezioni costituiranno un’attrazione unica e una motivazione in più sia alla visita di Urbino che a fermarsi per la notte; la possibilità di cambiare periodicamente i contenuti proiettati permettono di innescare un meccanismo di curiosità e di possibilità di attivare una dinamica di visita, cena e spettacolo rivolta ai cittadini e turisti della costa; attraverso la tecnologia si può valorizzare il patrimonio di cui dispone la città, sia quello che funzionerebbe da sfondo, sia quello che può essere illustrato nella proiezione.

È evidente come tutto ciò significhi cambiare registro nel modo misero e senza prospettive che ha caratterizzato l’operato sinora e portare Urbino a ragionare come una capitale della cultura, come una città dinamica, giovane e viva, come una destinazione turistica attrezzata, motivata e pronta ad accogliere i suoi ospiti per renderli partecipi di esperienze indimenticabili.

Consapevoli di come il nostro disegno comporti un notevole lavoro, un impegno in termini di idee, di visione del futuro, di capacità di coinvolgere diversi soggetti e condividere progettualità - tutte cose finora mancate, siamo certi delle nostre energie, delle aspirazioni che nutriamo per questa città, della disponibilità a confrontarci con esperti e competenze di altissimo valore, di voler metter in campo tutte le nostre forze per far tornare di nuovo viva Urbino in ogni ambito e sotto ogni aspetto.


da Liste a sostegno di Mario Rosati
CUT Liberitutti -  PD - Urbino al Centro





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-04-2019 alle 21:30 sul giornale del 05 aprile 2019 - 890 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, politica, partito democratico urbino, video mapping, urbino al centro, cut liberi tutti, mario rosati, comunali urbino 2019, proiezioni artistiche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/a6b9





logoEV
logoEV