Fra riconferme, novità e liste uniche, ecco tutti i sindaci eletti nell'entroterra urbinate

fascia tricolore 2' di lettura 29/05/2019 - Andiamo ad analizzare il voto dei comuni dell'entroterra urbinate, tra conferme e risultati a sorpresa.

A Cagli il sindaco uscente Alberto Alessandri (Cagli Futura) viene riconfermato a grandi numeri, andando oltre le aspettative. Con 2.251 voti (45,85%) è riuscito a battere il candidato del centro-sinistra Paolo Viti (Il Futuro in Comune), fermo a 1.681 voti (34,24%). Terza l'avvocatessa Loretta Blasi (Riapriamo Cagli) con 978 voti (19,92%).

Risultato abbastanza a sorpresa ad Acqualagna, dove a spuntarla è Luca Lisi (vicesindaco uscente) che con una propria lista di centro-sinistra fatta all'ultimo, è riuscito ad avere la meglio sulla lista ufficiale del centro-sinistra (dove al suo interno si candidava anche il sindaco uscente Pierotti come consigliere). Lisi (con la lista Scegliere per Acqualagna) diventa sindaco con 1.207 voti (45,62%), secondo Matteo Ferri (Energie Locali) con 776 voti (29,33%) e terzo il leghista Diego Zanchetti (Acqualagna per il Cambiamento) con 663 voti (25,06%).

A Cantiano la vera sfida del sindaco uscente Alessandro Piccini (Democratici X Cantiano) era quella con il quorum, superata alla grande con un'affluenza al 64,25%. I voti espressi alla propria e unica lista sono stati 1.245.

Riconfermato il sindaco di Apecchio Vittorio Nicolucci (C'è Futuro Insieme) con 725 voti (57,95%) contro il battagliero Giacomo Rossi (Impegno Comune) fermo a 526 voti (42,05%).

A Piobbico eletto sindaco Alessandro Urbini (Scegliere per Piobbico) con 728 voti (59,97%), contro i 486 (40,03%) ottenuti da Denis Sansuini (Piobbico in Testa), che aveva il supporto anche del sindaco uscente Giorgio Mochi.

A Frontone lista unica per Daniele Tagnani (Progettiamo Frontone), che raggiunge un'affluenza del 67,95%, con un totale di 682 voti validi.

A Serra Sant'Abbondio è stato riconfermato il sindaco uscente Ludovico Caverni, che anche lui correva con un'unica lista (Uniti Per Serra). Affluenza al 60,96% (un pò più bassa rispetto agli altri comuni con una lista sola) e 556 voti validi.

Anche Urbania sorprendentemente correva con una lista sola, quella del sindaco uscente Marco Ciccolini (Viviamo Urbania). Quorum superato alla grande con il 71,38% di affluenza e 3.490 voti validi.

A Peglio vince Cristina Belpassi (PeglioLab) con 318 voti (77,37%), che sconfigge il leghista Davide Mariotti (Centro Destra Uniti per Peglio) fermo a 93 voti (22,63%).

A Mercatello sul Metauro riconfermato il sindaco uscente Fernanda Sacchi (Continuare a Rinnovarsi) con 500 voti (54,23%), contro l'ex sindaco Alfiero Marchetti (Siamo Mercatello) fermo a 422 (45,77%).

Per finire Borgo Pace, dove anche qua il sindaco uscente Romina Pierantoni (Progetto Borgo Pace) è stata riconfermata con 296 voti (80,87%) contro Ettore Gabellini (Uniti per Crescere) fermo a 70 voti (19,13%).






Questo è un articolo pubblicato il 29-05-2019 alle 11:19 sul giornale del 29 maggio 2019 - 651 letture

In questo articolo si parla di politica, cagli, piobbico, frontone, urbania, apecchio, mercatello sul metauro, acqualagna, borgo pace, peglio, cantiano, elezioni comunali, serra sant'abbondio, articolo, amministrative 2019, elezioni 2019, Simone Giacomucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a73p





logoEV