Sette errori comuni quando si compra casa

4' di lettura 16/09/2019 - Quali sono gli errori che più spesso si commettono quando arriva il fatidico momento di acquistare o cambiare casa? Eccone 7 tra i più frequenti!

1) Non fare bene i conti
Molte persone pensano che il costo della casa si fermi all'importo segnato dal venditore sull'annuncio, purtroppo non è così. Per questo è sempre opportuno aggiungere circa un 10% a quell'importo che andrà speso per la parcella dell'agente immobiliare, l’iva al 4% se si tratta di prima casa e al 10% per le seconde case, l'eventuale l’imposta di registro, le tasse ipotecarie e la tesse catastali. A questi costi si somma anche la parcella del notaio per la stipula dell’atto di compravendita e del contratto di mutuo. Affidarsi al primo notaio che capita non è mai una buona idea, è sempre consigliabile chiedere un preventivo a più di un notaio per affidarsi poi a quello che, ha sì un prezzo adeguato alle proprie tasche, ma ha anche buone referenze.

2) Spese impreviste
Tra le eventuali spese da considerare vi sono quelli di manutenzione, perché non è detto che la casa a cui si è interessati sia perfetta e funzionante. Se non si dispone di mobili per arredare l’abitazione bisogna considerare anche quelli. È vero che oggigiorno i grandi mobilifici offrono prezzi vantaggiosi e competitivi, ma se si deve arredare una casa da zero con tanto di cucina e sanitari si raggiungono velocemente diverse migliaia di euro. Se si acquista un appartamento si dovrà tener conto anche delle spese condominiali per la manutenzione dell’edificio, del verde, le pulizie ed i lavori di manutenzione straordinaria. Oltre ovviamente ai costi vivi di una casa, bollette per energia elettrica, riscaldamento e tutto ciò che riguarda la vita quotidiana al suo interno.

3) Non considerare le variazioni dell'Euribor
Stipulare un mutuo è per molte persone l’unico modo per poter acquistare casa. Tra gli errori più comuni vi è quello di scegliere senza pensarci troppo il tasso variabile. Oggi la percentuale dell'Euribor è molto conveniente ma potrebbe in futuro salire rapidamente andando così a compromettere le entrate dell'intera famiglia. D'altro canto, la certezza di un tasso fisso che non varia nel tempo, seppur più alto, potrebbe agevolare la pianificazione delle spese familiari a lungo termine.

4) Stipulare un mutuo troppo lungo
Statisticamente, un mutuo di durata superiore ai 25 anni andrà a rendere eccessivamente caro l'acquisto di una casa a causa dell'elevata cifra che si andrà a pagare tra interessi e spese di gestione. Come per la scelta del notaio, è sempre bene valutare ciò che offrono diversi istituti di credito per avere più opzioni tra cui scegliere.

5) Indebitarsi troppo
Sempre secondo le ultime ricerche, la somma delle rate dei finanziamenti che una persona stipula non dovrebbe superare il 30% delle sue entrate. Ideale sarebbe accendere un mutuo la cui rata non superi il 20% delle entrate fisse di una persona o famiglia, in modo tale da avere un margine percentuale per eventuali spese per l'arredamento o imprevisti.

6) Non contrattare e avere fretta
La casa è bella, è funzionale ma il prezzo è leggermente fuori budget. Perché non provare a contrattare? Il consiglio è quello di provare a chiedere una leggera riduzione del prezzo, la richiesta di uno sconto troppo elevato potrebbe infastidire il venditore che per dispetto potrebbe negarla. Anche avere fretta di chiudere la compravendita per paura di perdere l'immobile potrebbe dare l'impressione sbagliata, il venditore potrebbe azzardare un aumento di prezzo e al tempo stesso si potrebbero dimenticare importanti passaggi come il controllo dell'impianto elettrico, di quello idraulico e dello stato delle pareti con eventuale presenza di muffa o infiltrazioni.

7) Non ragionare con la testa e non ascoltare l'agenzia
Può accadere di innamorarsi di una casa a prima vista senza considerare se sia veramente ciò di cui si necessita, per questo bisogna stare attenti a non lasciarsi trasportare dalle emozioni ed ascoltare sempre i consigli dell'agente immobiliare a cui ci si è affidati. Nessuno meglio di un agente immobiliare capisce le esigenze di un acquirente e conosce il reale valore di mercato di ogni casa.

Le proposte Tecnocasa a Pesaro
Se non si vogliono commettere gli errori sopra indicati ci si può rivolgere ad un'agenzia Tecnocasa per la ricerca della propria abitazione nella zona di Pesaro.
Vi sono quadrilocali a 1131€/mq dotati di due bagni, ville a schiera con sei locali a 1470€/mq e monolocali a partire da 2750€/mq; tutte le soluzioni sono consultabili al link https://www.tecnocasa.it/annunci/immobili/marche/pesaro-urbino/pesaro.html.


   

di Redazione





Questo è un articolo pubblicato il 16-09-2019 alle 10:28 sul giornale del 16 settembre 2019 - 131 letture

In questo articolo si parla di economia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/baDm


logoEV
logoEV