Cresce l’intermodalità treno-bici-bus, la soddisfazione di FIAB Marche

cicloturisti 2' di lettura 23/10/2019 - Entro il 2020, oltre che sui treni regionali, la bicicletta potrà essere caricata negli spazi appositamente predisposti su tutti gli Intercity Giorno; lo ha deciso Trenitalia accogliendo le richieste avanzate soprattutto dalla Fiab (Federazione italiana ambiente e bicicletta); già lo si può fare anche sulle Frecce, ma bisogna smontare la bici e riporla in una sacca; un sistema troppo complicato e quindi inefficace.

Questa decisione è un indiretto riconoscimento della forte espansione della mobilità ciclistica, sia quella turistica che muove un giro d’affari di decine di miliardi l’anno, sia quella dei pendolari che, per raggiungere il posto di lavoro, ora possono contare anche su copertura assicurativa e, spesso, incentivi economici.

L’Italia sembra fatta apposta per accogliere questa mobilità a basso impatto ambientale e zero inquinamento: beni naturali e culturali diffusi dappertutto, una capillare rete di accoglienza, un clima mite in gran parte dell’anno, fitti agglomerati urbani e tante strade secondarie poco trafficate.

Nelle Marche è già possibile caricare gratis la bici sui treni regionali; inoltre, in provincia di Pesaro Urbino i bus hanno iniziato a montare rastrelliere esterne sia per il turismo che il trasporto pubblico locale e si spera che a breve sia completato il collegamento ad anello Pesaro-Urbino-Fano, magari con un servizio ampliato ai giorni festivi; ma, per avere una mobilità sempre più integrata tra bici, treni e bus è essenziale realizzare la rete ciclabile predisposta dalla Regione Marche, anche per valorizzare economicamente le zone interne; è quasi pronta la ciclovia dell’Esino; tra Fano e Urbino è in buona parte finanziato il percorso che punta verso Umbria e Toscana; sono in via di definizione i percorsi ciclabili lungo i principali fiumi della regione e di recente ne è stato proposto un altro sulla ferrovia sospesa Fabriano Pergola. E fa piacere apprendere che secondo una prestigiosa guida turistica internazionale le Marche rappresentano una meta imperdibile per chi vuol viaggiare; uno stimolo in più per migliorare la mobilità integrata e la qualità dell’ambiente.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-10-2019 alle 16:50 sul giornale del 23 ottobre 2019 - 107 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, bicicletta, for.bici, fiab, intermodalità, FIAB Fano For.bici, Federazione Amici della Bicicletta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bb1s





logoEV