Commissariato di Urbino, il Comune risponde all'interrogazione di Uniti per Urbino

commissariato di urbino 2' di lettura 09/04/2020 - È arrivata la risposta del Comune di Urbino all'interrogazione a risposta scritta presentata lo scorso mese di febbraio dal gruppo consiliare Uniti per Urbino sulle condizioni dell'attuale Commissariato di Pubblica Sicurezza.

Una risposta che non fornisce certezze nell'immediato, ma lascia spiragli per il futuro.

"Sono stati organizzati molti incontri in Prefettura a cui ho partecipato personalmente, insieme al Questore e al Dirigente del Commissariato. - si legge nel testo firmato e narrato in prima persona dal sindaco Gambini - Si sono susseguiti diversi ragionamenti per trovare una sede più idonea a ospitare il Commissariato, si sono proposti anche alcuni privati che hanno avanzato dei progetti per la costruzione di una nuova sede, anche in base ad accordi presi anni addietro direttamente con il Ministero; per quanto mi riguarda ho avanzato io stesso delle proposte. Tuttavia, al momento, non si è trovata una soluzione adeguata in grado di conciliare le esigenze di costi, collocazione, tempi e necessità operative, anche se sembrerebbe, dall'ultimo incontro in Prefettura, che ci sia la disponibilità alla realizzazione di un nuovo immobile da parte di un privato che la Prefettura e la Questura riterrebbero idoneo".

Questa le replica dei consiglieri Giorgio Londei, Federico Cangini e Luca Londei: "Conosciamo la storia - ormai troppo lunga per tutti e sempre irta di difficoltà -, tuttavia consideriamo la risposta, soprattutto nella conclusione come apertura di una possibilità di poter risolvere l’annoso problema. Una nuova locazione va trovata assolutamente, dopo aver risolto nel tempo le sedi di Carabinieri e Vigili del Fuoco. Il Commissariato di Urbino svolge un ruolo molto importante e indispensabile - ne abbiamo la controprova anche in relazione al lavoro che svolge per il contrasto al diffondersi del Corona Virus - non solo per i cittadini di Urbino e del Montefeltro ma anche nei confronti di migliaia e migliaia di studenti che frequentano l’Università, le Scuole speciali e gli Istituti superiori. Tutti hanno apprezzato e apprezzano il lavoro svolto sempre con grande professionalità e a favore della sicurezza e del convivere civile di tutti. Ricordiamo che il progetto prevede anche di unificare Commissariato e Polizia Stradale. Noi, per quanto ci riguarda, siamo pienamente impegnati a dare tutto il nostro apporto in tutte le sedi e a tutti i livelli per costruire la nuova Caserma".

L'inadeguatezza della struttura che ospita il Commissariato è tema noto già da tempo, su cui si era espresso già quattro anni fa Pierpaolo Frega, Segretario Provinciale Silp Pesaro e Urbino, in una nota pubblica affidata alla stampa, nota che però non aveva ricevuto alcuna risposta.






Questo è un articolo pubblicato il 09-04-2020 alle 15:53 sul giornale del 09 aprile 2020 - 427 letture

In questo articolo si parla di attualità, luca londei, Giorgio Londei, articolo, commissariato di urbino, antonio mancino, federico cangini, uniti per urbino, interrogazione a risposta scritta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bjkv