Cagli, nuova viabilità, Sabatini: "Non ho sottoscritto il comunicato perché l'amministrazione ha apportato le modifiche richieste"

4' di lettura 04/06/2020 - Torniamo nuovamente sulla questione viabilità, pedonalizzazione e modifica della disposizione dei parcheggi nel centro storico di Cagli, che dovrebbe partire dal prossimo primo luglio e durare tutto il periodo estivo, per far fronte all'emergenza sanitaria che ha imposto nuove regole e comportamenti.

La consigliera comunale Patrizia Sabatini (che ricopre anche il ruolo di segretaria del circolo Pd di Cagli) ha voluto chiarire alcuni aspetti di questo progetto e perché non ha condiviso il comunicato del gruppo consiliare comunale di cui fa parte.

Sabatini, come mai non ha condiviso e firmato il comunicato sottoscritto dal gruppo consiliare 'Il Futuro in Comune' (nel quale venivano sollevate alcune perplessità riguardo al nuovo piano estivo 'Ri-Abitare Cagli'), di cui Lei fa parte?

"Mi sento in dovere di precisare alcune cose posto che la chiarezza evita supposizioni e curiosità. Il motivo per cui non ho sottoscritto il comunicato assieme ai colleghi di opposizione è semplice e risiede nel fatto che all’incontro tenutosi in Comune in data 25 maggio, nel corso del quale ci è stato presentato il progetto, tutti i componenti delle minoranze hanno espresso i loro dubbi, portato le perplessità che i commercianti avevano sollevato e dato il loro contributo per il miglioramento di alcuni aspetti. Tali indicazioni sono state fatte proprie dalla maggioranza che ha apportato alcune modifiche sulla scorta delle indicazioni date da noi".

Ci sono divergenze anche su altri temi fra Lei e i consiglieri Viti e Formica?
"Sinceramente le divergenze credo siano venute fuori successivamente. Comunque, no. Si tratta di una diversa visione limitata a questo progetto. Sono sempre stata abituata a portare avanti le mie idee in maniera libera e continuerò a farlo, rispettando quelle altrui".

"Lei è anche la segretaria del locale circolo Pd: pure la direzione locale appoggia questo nuovo piano stradale temporaneo che adotterà l'amministrazione comunale nei mesi estivi?
"Sinceramente non ho avuto modo di confrontarmi all’interno del partito, viste le restrizioni imposte dall’emergenza covid che hanno forzatamente sospeso ogni attività e soprattutto anche per ragioni temporali (il tutto si è verificato nell’arco di 3/4 giorni). Vorrei ricordare, comunque, che la proposta progettuale viene eventualmente approvata dalla giunta e che, pertanto, non è richiesto alcun voto in consiglio comunale sul quale aprire un confronto all’interno del partito."

Ci vuole ricostruire come sono andate effettivamente le cose (sia in consiglio comunale che con i commercianti del centro)?
"Il 21 di Maggio sono stata contattata da alcuni commercianti e cittadini preoccupati perché voci di corridoio paventavano una possibile chiusura del centro storico con perdita anche di preziosi posti auto. Mi sono subito informata sulla veridicità di tali voci ed ho appurato l’esistenza del progetto che l’amministrazione ha poi presentato ufficialmente il 26 maggio al Ridotto del Teatro. Già dal 21 di Maggio avevo consigliato ai titolari delle attività interessate dalla pedonalizzazione di rispondere alla mail dell’Assessore Marini facendo presenti le proprie perplessità che io stessa ho poi ribadito in occasione della presentazione del progetto alle minoranze. Auspico che la pedonalizzazione di via Leopardi e di via Porta Vittoria, con il mantenimento della libera circolazione sulla parte restante del centro storico, possa da un lato garantire alle attività presenti in loco di lavorare nel rispetto delle regole in materia di covid (prime tra tutte il distanziamento sociale) ed al contempo possa favorire la vivibilità di questi luoghi da parte dei cittadini e soprattutto delle famiglie che per mangiare un gelato o fare acquisti si vedono costretti ad uno slalom tra le auto in sosta e quelle in circolazione. Non sostengo che il progetto sia perfetto, sicuramente ci saranno cose da migliorare ed altre da cambiare ma siamo già a giugno e questi eventuali cambiamenti potranno essere fatti in corso d’opera poiché il tempo per fare valutazioni a priori non credo ci sia se si vuole provare a rendere Cagli una meta più vivibile ed accogliente per i turisti che mi auspico possano farci visita già dalla fine di questo mese".






Questa è un'intervista pubblicata il 04-06-2020 alle 20:42 sul giornale del 04 giugno 2020 - 183 letture

In questo articolo si parla di viabilità, politica, cagli, intervista, Patrizia Sabatini, Simone Giacomucci, ri-abitare cagli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bnbF





logoEV