Albergatori e crisi post-covid, Uniti per Urbino chiede al Comune di intervenire sulla parte variabile della TARI

tari 1' di lettura 17/07/2020 - Interrogazione a risposta scritta del gruppo consiliare di Uniti per Urbino, al centro del testo la richiesta di ridurre o azzerare la parte variabile della Tassa su Rifiuti, per venire incontro alle difficoltà che stanno avendo gli albergatori della città ducale dopo l'emergenza covid.

Questo il testo completo dell'interrogazione a risposta scritta:

Noi sottoscritti Consiglieri comunali
risultandoci che gli albergatori urbinati oggi faticano a riprendere la loro attività alberghiera, nonostante l’Amministrazione comunale abbia prorogato il termine per il versamento della prima rata (e della rata unica) TARI 2020 dal 30 Giugno al 31 Luglio, siamo a chiedere la possibilità di intervenire sulla c.d. parte variabile, riducendola o azzerandola per il periodo in cui le attività produttive sono state sospese per effetto dei provvedimenti nazionali di contenimento dell’epidemia.

Giorgio Londei Capogruppo
Federico Cangini Consigliere
Luca Londei Consigliere


   

da Uniti per Urbino
Gruppo Consiliare





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-07-2020 alle 16:09 sul giornale del 17 luglio 2020 - 231 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, comune di urbino, crisi, albergatori, Gruppo Consiliare, TARI, uniti per urbino, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/bqVu