#ioapro1501, Varotti (Confcommercio): "Un flop epocale, i ristoratori e i titolari di pubblici esercizi sono persone serie"

Amerigo Varotti Confcommercio Pesaro 3' di lettura 16/01/2021 - La manifestazione #ioapro1501 è stata in Italia e nella nostra provincia un fallimento totale come era nelle nostre aspettative conoscendo la serietà ed il rigore delle imprese e dei nostri associati.

Un fallimento ancora più evidente nella nostra provincia - da dove è partita l’iniziativa e la pressione mediatica e politica. Qui nessuno o quasi vi ha aderito.

Salvo, ovviamente, il ristorante di Mombaroccio del promotore dell’iniziativa che su quattro locali gestiti ha deciso di partecipare solo con uno (ma perché?? Non era l’incipit #ioapro?) e non quello pesarese come annunciato con enfasi a più riprese. E non certo per “depistare“ la stampa (come farebbe a giustificare diversamente la propria presenza?) o le forze dell’ordine ma, probabilmente, per non incorrere in sanzioni molto più pesanti visti i precedenti del locale pesarese.

Un flop epocale (questo si che passerà alla storia, parafrasando un commento sui social) che però dimostra e conferma che i ristoratori e i titolari di pubblici esercizi sono persone serie, non si fanno abbindolare da falsi profeti, che rispettano le leggi; imprenditori che sono in grave sofferenza economica per le conseguenze dei vari provvedimenti governativi; che vogliono ritornare ad aprire e lavorare, “ a stare aperti “ per non morire, non chiudere l’attività che da sostentamento alla propria famiglia. Ma che vogliono e chiedono di farlo nell’alveo della legalita’.

E chiedono e pretendono i giusti risarcimenti senza ricorrere a comportamenti illegali.

E il flop dell’iniziativa dimostra anche la forza ed il radicamento territoriale e sociale della nostra organizzazione che - mi sia consentito - più di tutte le altre ed insieme all’Associazione Ristoratori ha lavorato per far capire la necessità di lavorare e protestare nell’ambito della legalità anche per i rischi economici (sanzioni e chiusura dei locali) per le imprese ed il rispetto che si deve ai propri clienti che, come nel caso di Mombaroccio, saranno chiamati a pagare multe salate (parlamentari compreso).

Vogliamo anche esprimere un plauso ed il nostro ringraziamento alle forze dell’ordine - coordinate dal signor prefetto - per l’impegno nel far rispettare la legge e sanzionare i comportamenti illegali.

Ci riferiamo alle sanzioni comminate ieri sera e a quelle, immaginiamo certamente più pesanti ed in linea con la gravità dei comportamenti, che arriveranno nei prossimi giorni.

Intanto proseguirà incessante la nostra azione sindacale a tutela delle imprese. Lunedì incontreremo il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli per individuare un piano di interventi efficaci a sostegno dei lavoratori e delle imprese della ristorazione, dell’intrattenimento e del turismo messi in ginocchio da troppi mesi di sostanziale inattività, da una perdurante incertezza e da misure di ristoro assolutamente insufficienti.

I temi e le richieste riguardano gli affitti ed i ristori.

Contestualmente proseguiremo gli incontri a livello locale per trovare nei bilanci dei comuni e della regione le risorse per aiutare le imprese di questi settori (compreso alberghi, agenzie di viaggio, palestre e piscine) come peraltro annunciato, per Pesaro, dall’assessore Frenquellucci.

È partita la richiesta a Marche Multiservizi e Aset di incontri per la riduzione dei costi del servizio idrico e rifiuti.

La tutela ed il sostegno alle imprese lo si fa con azioni costanti, concrete, che non balzano agli onori della cronaca o dei salotti televisivi. Non certamente con azioni esclusivamente pubblicitarie, senza alcun risultato pratico se non gli interessi personali e politici di qualcuno!

Proseguirà poi la nostra indagine sulla presunta aggressione via social ed alle richieste economiche formulate dal legale del ristoratore pesarese a tanti cittadini e imprenditori.

Ovviamente, come si dice, ci sarà lavoro per i nostri legali!


da Amerigo Varotti
Direttore Confcommercio Marche Nord





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-01-2021 alle 20:52 sul giornale del 16 gennaio 2021 - 137 letture

In questo articolo si parla di attualità, confcommercio, ristoratori, crisi, confcommercio pesaro, amerigo varotti, confcommercio pesaro urbino, comunicato stampa, #ioapro1501

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bJLJ