Il dottor Roberto Rossi va in pensione, niente più ambulatorio medico nelle frazioni

medico foto generica 2' di lettura 10/02/2021 - Roberto Rossi, medico di base ad Urbino e che fa ambulatorio anche a Schieti e Pieve di Cagna da almeno 40 anni, va in pensione. Purtroppo non per sua volontà.

Lo stimato professionista specie in questa situazione emergenziale in cui i medici scarseggiano sarebbe responsabilmente restato al suo posto almeno un altro anno, disponibilità attestata dal pagamento del canone d’affitto per l’ambulatorio fino dicembre 2021. Invece i cittadini delle due frazioni si sono visti recapitare in data 8 febbraio 2021 una lettera, inviata dall’Asur, nella quale si dice che: “Il dottor Roberto Rossi cesserà la sua attività di Medico di Medicina Generale dal 17/02/21. La scelta del nuovo medico potrà essere effettuata presso la sede distrettuale di residenza nei normali orari di apertura. Già da ora è possibile fare il cambio scegliendo uno dei medici disponibili. Sul sito www.asur.marche.it” Dunque per i cittadini di Schieti e Pieve di Cagna la notizia è caduta come un fulmine a ciel sereno. In sintesi: tra 9 giorni non vi sarà più il medico nelle due frazioni e la popolazione, che conta un numero elevato di persone anziane, dovrà recarsi ad Urbino, oppure accedere al sito dell’Asur per scegliere un nuovo medico ed eventualmente per farsi visitare.

I Moderati per Urbino si chiedono se l’Asur e l’Amministrazione Comunale abbiano un cervello e anche un cuore. Dove sono i rappresentanti del territorio, Sirotti in primis, che doveva trasformare le frazioni in paradiso? Cosa sta facendo l’Assessore alla Sanità nonché ai servizi sociali Foschi e il Sindaco Gambini? Come è possibile lasciare due comunità senza un servizio essenziale come l’ambulatorio medico di base? Di fronte a questo scenario l’assessore alla Sanità ed il Sindaco avrebbero dovuto attivarsi per chiedere a gran voce che la presenza di un professionista nell’ ambulatorio medico nelle due frazioni fosse garantita dalla azienda sanitaria, vista anche la disponibilità del dott. Rossi a proseguire l’attività almeno per il tempo utile per preparare la “successione”.

I Moderati per Urbino ringraziano il dott. Rossi per tutto quello che ha fatto in questi anni e chiedono a chi di dovere di intervenire tempestivamente per risolvere la situazione che si è venuta a creare e che penalizzerebbe ancora una volta gli abitanti delle frazioni. Ci auguriamo che si trovi una soluzione per risolvere il problema al più presto.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-02-2021 alle 13:48 sul giornale del 10 febbraio 2021 - 469 letture

In questo articolo si parla di attualità, pensione, urbino, politica, Schieti, pieve di cagna, schieti di urbino, i moderati per urbino, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bNpd





logoEV
logoEV