La CNA di Pesaro-Urbino mette a disposizione le sue 15 sedi nella provincia per le vaccinazioni

Moreno Bordoni cna pesaro 2' di lettura 07/03/2021 - Dopo i test sierologici ed i tamponi nelle aziende, la CNA offre la sua presenza capillare nel territorio della provincia di Pesaro e Urbino per contribuire ad accelerare la campagna di vaccinazione del mondo del lavoro e cercare di dare il proprio contributo alla lotta contro il Covid.

Moreno Bordoni, segretario della CNA di Pesaro e Urbino rilancia la proposta fatta al ministro del lavoro Andrea Orlando a quello della salute, Roberto Speranza e al nuovo Commissario dell’emergenza generale Francesco Paolo Figliuolo nelle ore scorse dal presidente nazionale della CNA, Daniele Vaccarino.

“Come CNA - aggiunge Bordoni - riteniamo che l’unico strumento per contrastare il proseguire di questa emergenza e frenarne l’impatto pesantissimo sull’economia, sia quello di intervenire massivamente con una veloce campagna vaccinale che aiuti le imprese e il Paese a riprendere progressivamente la normale attività. L’uscita dell’Italia e di questa provincia dalla crisi dipende dall’andamento della campagna vaccinale che però continua ad avere tempi troppo lunghi. Per questo siamo disponibili a mettere a disposizione da subito ogni nostra sede territoriale (sono 15 in tutta la provincia), e ben distribuite tra costa ed entroterra, per poter agevolare la campagna e permettere a tanti cittadini di raggiungere con facilità luoghi che già ben conoscono per adempimenti e servizi.

E CNA aggiunge che ora non serve modificare i protocolli di sicurezza nei luoghi di lavoro, che hanno dimostrato di funzionare evidenziando che non si può chiedere alle imprese più di quanto hanno fatto e continueranno a fare. I protocolli sottoscritti dalle parti sociali e gli oltre 20 codici di autoregolamentazione elaborati dalla CNA per ciascun settore hanno dimostrato di essere efficaci nel contrasto al Covid nei luoghi di lavoro. “Si tratta di norme - dice ancora il segretario della CNA Moreno Bordoni - che anche nei mesi più difficili, hanno tutelato lavoratori e gli stessi imprenditori che, soprattutto nelle piccole imprese, lavorano l’uno accanto all’altro.”

“Anche l’Inail - rimarca - dichiara che sette denunce di contagi sul lavoro da Covid su dieci riguardano il settore della sanità, dell’assistenza sociale e dell’amministrazione pubblica. Le imprese, anche le più piccole, si sono attrezzate, con fatica e con ingenti costi, per adottare e rispettare le molte regole e per contrastare il diffondersi del Covid nei luoghi di lavoro. Tutto ciò, a fronte di scarse e tardive misure di sostegno.

“Noi dunque - conclude Bordoni - siamo disponibili a fare la nostra parte e a renderci utili alla collettività non solo dal punto di vista logistico ma anche di informazione alla cittadinanza e al mondo delle imprese”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2021 alle 16:39 sul giornale del 07 marzo 2021 - 134 letture

In questo articolo si parla di attualità, vaccinazioni, cna pesaro e urbino, moreno bordoni, Moreno Bordoni cna pesaro, comunicato stampa, covid 19, vaccinazioni anti covid

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bRsN