Cinema, "L’intervallo tra le cose, I luoghi della narrazione cinematografica" dal 18 maggio al via la quinta edizione

2' di lettura 14/05/2021 - Dal 18 al 21 maggio 2021, nella città di Urbino, si svolgerà la quinta edizione del festival L’intervallo tra le cose. I luoghi della narrazione cinematografica, organizzato dall’Associazione Culturale “La Ginestra” (presidente Giovanna Errede), in collaborazione con la Regione Marche, l’Università “Carlo Bo”, il Comune di Urbino e CNA Cinema e Audiovisivo Marche.

Il festival, ideato da Giovanna Errede, Angela Cervellieri e Andrea Laquidara, ha vinto il bando regionale Festival, Rassegne e Premi cinematografici realizzati nel territorio marchigiano 2020/2021.

Il cinema è un linguaggio eccezionalmente ricco e vario. Una ricchezza e una varietà espressiva che l’industria cinematografica generalmente tende a trascurare. Il festival è concepito come percorso di esplorazione delle regioni decentrate, periferiche della produzione cinematografica, zone d’ombra che rappresentano occasioni di osservazione della realtà da prospettive inusuali, inedite e, forse, più approfondite.

Come nelle scorse quattro edizioni (in cui sono intervenuti Franco Piavoli, Marco Bellocchio, Pietro Marcello, Alina Marazzi), il festival si muoverà dunque lungo traiettorie meno battute del linguaggio cinematografico, con un’attenzione particolare ai nuovi autori del cinema italiano: saranno infatti proiettate opere dirette da Saverio Costanzo (Hungry Hearts), Alice Rohrwacher (Lazzaro felice), Mauro Santini (Attesa di un’estate), Sergio Canneto (Il catechismo), Andrea Segre (Molecole). Quest’ultimo interverrà personalmente il 19 maggio, presentando il suo ultimo documentario e dialogando col pubblico sui temi sollevati dalla pellicola.

L’evento sarà accompagnato da un workshop introduttivo dedicato al cinema italiano più recente, tenuto dal regista Andrea Laquidara (che il 21 maggio, quarta giornata del festival, presenterà il suo ultimo film Guardo escluso), e da un concerto in cui si esibiranno i musicisti Devon Ebah e Anissa Gouizi.

Proiezioni ed eventi si svolgeranno nelle due sale di Urbino, Cinema Ducale e Cinema Nuova Luce: gli organizzatori hanno scelto per l’edizione 2021 dell’Intervallo tra le cose il sottotitolo Cinema aperto, come espressione di una volontà di ripartenza - un’esigenza che non riguarda solo il cinema, ma, più in generale, la cultura, così drammaticamente colpita dagli eventi degli scorsi mesi.

La partecipazione all’evento è gratuita.

Si consiglia di recarsi in sala qualche minuto in anticipo, per permettere agli esercenti di attuare la procedura di registrazione, in rispetto delle norme anti-Covid.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-05-2021 alle 16:50 sul giornale del 14 maggio 2021 - 154 letture

In questo articolo si parla di cultura, cinema, urbino, spettacoli, università di urbino, comunicato stampa, l'intervallo tra le cose, festival cinematografico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b27h





logoEV
logoEV