Al Centro Arti Visive Pescheria in mostra le opere degli studenti dell'Accademia di Belle Arti di Urbino

5' di lettura 20/10/2021 - La Fondazione Pescheria di Pesaro e l'Accademia di Belle Arti di Urbino annunciano “Surprize 3”, terza edizione della collettiva di studenti provenienti dall'Accademia urbinate che, dopo il successo delle mostre precedenti, con ospiti gli allievi delle università di Istanbul nel 2019 e di Atene nel 2020, quest’anno si consorzia con due prestigiose istituzioni internazionali: l'Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo e il Royal College of Art di Londra.

Patrocinata dal MUR - Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica e organizzata in collaborazione con il Comune di Pesaro, l’esposizione è ospitata al Centro Arti Visive Pescheria, nel Loggiato e nella chiesa del Suffragio, dal 21 ottobre fino al 30 novembre 2021.

La giuria, presieduta da Marcello Smarrelli e composta dai curatori Adrienne Drake e Simone Ciglia, dalla gallerista Paola Capata e dall’artista Pietro Ruffo, ha selezionato tre opere vincitrici tra quelle presentate, una per ogni istituzione partecipante, ai cui autori la Fondazione Pescheria e l'Accademia di Belle Arti riconosceranno un premio in denaro di mille euro ciascuno, a sostegno della loro formazione; inoltre è stata assegnata una menzione speciale ad un quarto giovane artista.

È l’opera di Alan Silvestri (Sondalo 1996) quella che ha più sorpreso la giuria di Surprize 3: un olio su tela di grande formato (cm 183x151) dal titolo Notti rotonde del grande pino. Attraverso l’uso di ampie pennellate l’artista costruisce un’immagine notturna, un paesaggio espressivo che si sfalda nel gesto stesso della pittura, avvolto da un’atmosfera inquietante e surreale, dove superficie e sfondo si alternano tra macchia e segno.

L’artista vincitore per l’Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo è Mikhail Tishakov (Naberezhnye Chelny, Russia 1997) con l’opera Why are you Crazy, Hugo van der Goes? (olio su tela cm 135x150); mentre per il Royal College di Londra la vincitrice è Matilda Wace (Norfolk, UK 1995) con il video Eye Roll (9’ 13’’).

La menzione speciale va a Nicola Paci (Pesaro 1992) per il video The Perfect Obst… in cui l’artista, con la complicità di un’attrice, reinterpreta in modo originale e coinvolgente una scena del film di Charlie Chaplin “Il grande dittatore” associandolo ad un pezzo musicale del gruppo System Of A Down, che he ne cambia completamente la percezione e il ritmo.

Surprize è un termine inventato, un gioco linguistico che modifica la parola inglese surprise, per evocare il tema della sorpresa ma anche, per assonanza, quello del premio (prize). Nato come appuntamento annuale dedicato alla promozione di giovani artisti, il premio è un'importante occasione di collaborazione e condivisione tra soggetti e istituzioni attive nel territorio e non solo, in ambito artistico e culturale.

“A Pesaro gli artisti vivono, lavorano e tengono vivo l’interesse della comunità per i nuovi linguaggi visivi, un’azione in cui vengono supportati dalla Pescheria, sede espositiva divenuta nel tempo - grazie al costante impegno pubblico - il più importante polo dell’Adriatico per il contemporaneo. La sinergia artisti/istituzioni/luoghi in un sistema dell’arte virtuoso e diffuso rappresenta, fra l’altro, uno degli elementi più connotanti per una città che si è candidata a Capitale italiana della Cultura 2024 puntando proprio sulla condivisione di valori e visioni.

In questa prospettiva, Surprize non è solo un premio dove giovani artisti si cimentano con il proprio lavoro e forse per la prima volta con una giuria di esperti, non è solo una mostra, ma è soprattutto un’agorà, un luogo di incontro e di scambio, fondamentale per una vera e duratura ripresa che parta dall’arte, dalla cultura e dalla creatività” così l'Assessore alla Bellezza del Comune di Pesaro, Daniele Vimini.

La mostra, curata da Umberto Palestini con Semyon Mikailovsky, Nicky Coutts, Adam Kaasa, si caratterizza per la varietà dei linguaggi espressivi adottati dai giovani artisti, a testimonianza della forte aderenza a un modello di studio ancorato alla ricerca estetica contemporanea. Gli indirizzi di Pittura, Scultura, Decorazione, Grafica d'Arte, Scenografia, Nuove Tecnologie dell'Arte riescono a mettere in campo un fertile crossover linguistico attraverso il quale si rinnovano gli statuti formali tradizionali, sconfinando nell'installazione, nel video, nella fotografia di matrice concettuale. I risultati attestano il valore di questa ricerca che pone l'Accademia di Urbino, insieme ai suoi partner internazionali tra i poli d'eccellenza più significativi dell'Alta Formazione Artistica. Un esempio emblematico della qualità formativa nelle Marche, ricca di tesori, che trova in Pesaro e Urbino due poli di eccellenza, due città in sintonia progettuale, due destinazioni culturali di un territorio ‘fertile’ dove chi fa arte trova solide opportunità di crescita, valorizzazione e visibilità grazie alla presenza di istituzioni pubbliche e private, scuola e gallerie pronte a lavorare insieme.

L’esposizione è accompagnata da un catalogo di particolare pregio grafico progettato da muschi&licheni, impaginato da Michelangelo Alesi, edito da Arti Grafiche della Torre.

“SURPRIZE 3”
Opere dall'Accademia di Belle Arti di Urbino, dall'Accademia di San Pietroburgo e dal Royal College di Londra

Centro Arti Visive Pescheria, Corso XI Settembre 184 - Pesaro
21 ottobre - 30 novembre 2021
Inaugurazione giovedì 21 ottobre alle ore 18.00
Orario > venerdì, sabato, domenica h 16-19
Ingresso con obbligo di mascherina e green pass
Ingresso Card Pesaro Cult (3 euro, validità annuale), libero fino a 18 anni


da Fondazione Pescheria
Centro Arti Visive







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-10-2021 alle 20:18 sul giornale del 20 ottobre 2021 - 159 letture

In questo articolo si parla di cultura, urbino, pesaro, Centro Arti Visive Pescheria, Fondazione Pescheria Centro Arti Visive, accademia di belle arti urbino, comunicato stampa, accademia di urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cpxm





logoEV
logoEV