Confindustria Pesaro-Urbino contribuisce al restauro della lunetta di San Domenico

2' di lettura 22/12/2021 - Il Comitato Cultura di Confindustria presieduto dal Cavaliere del Lavoro Gastone Bertozzini ha deliberato di contribuire al restauro della lunetta di S. Domenico elargendo una sovvenzione di 10.000 euro a favore della Galleria Nazionale delle Marche.

Il prezioso manufatto in terracotta invetriata rappresentante la Madonna con il Bambino tra i SS. Domenico, Tommaso, Alberto Magno e Pietro Martire, opera di Luca della Robbia, posto originariamente, sul portale della chiesa di S. Domenico prospicente il Palazzo Ducale di Urbino, si ritiene fosse la prima commissione artistica di Federico da Montefeltro. Alla fine degli anni Settanta, per motivi di conservazione, è stata rimossa dalla sua sede primitiva e posta, dopo un intervento di restauro, all’interno dello stesso Palazzo Ducale, dove è esposta nella prima sala dell’appartamento della Jole, all’inizio del percorso espositivo.

Oggi dopo oltre quarant’anni dall’ultimo restauro, si è reso necessario intervenire nuovamente sull’opera, per fermare un processo di degrado innescato dalla presenza di sali che, dall’interno della terracotta, hanno iniziato a riaffiorare provocando il distacco della delicata invetriatura superficiale. L’operazione, a carico della Galleria Nazionale delle Marche, prevede un costo di circa 30.000 euro che, grazie al generoso contributo del Comitato Cultura della Confindustria Pesaro Urbino, viene notevolmente ridotto.

Siamo soddisfatti - dice il cavalier Bertozzini - per aver dato un altro fondamentale contributo all’arte della Città di Urbino. Onorati anche per la collaborazione con la Galleria Nazionale delle Marche contenitore di opere straordinarie.

Oltre l’indubbio vantaggio economico, quello che è importante sottolineare è la collaborazione tra i diversi settori della vita sociale che innescano cicli virtuosi tra il mondo della cultura e quello della produzione. D’altronde si è dimostrato - ancor più durante la pandemia - come la cultura rivesta un ruolo importante nel mondo economico, sia tramite l’indotto, sia tramite l’aumento del benessere sociale. L’attenzione degli operatori economici attivi sul territorio, verso il proprio patrimonio, può innescare processi di crescita del tenore di vita a vantaggio di tutti.

L’appartenenza al territorio - sottolinea Luigi Gallo, Direttore della Galleria Nazionale delle Marche - non è semplice connotazione geografica, ma presenza attiva nel tessuto sociale. La partecipazione del mondo economico, con i mezzi che gli sono propri, alla vita culturale, dimostra come la crescita del territorio tragga vantaggio da questa permeabilità tra i diversi operatori.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-12-2021 alle 21:14 sul giornale del 22 dicembre 2021 - 155 letture

In questo articolo si parla di cultura, attualità, urbino, confindustria pesaro urbino, palazzo ducale urbino, comitato cultura, Galleria Nazionale delle Marche, comunicato stampa, lunetta di san domenico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cBv2





logoEV
logoEV