Frase razzista mai pronunciata, annullata la squalifica a mister Ceccarini, "giustizia è stata fatta"

antonio ceccarini urbino 2' di lettura 05/04/2022 - Giustizia è stata fatta. Come era prevedibile il Mister dell’Urbino Calcio Antonio Ceccarini è stato reintegrato dalla Giustizia Sportiva dopo l’episodio occorso nella partita casalinga con il Grottammare.

A seguito di tale episodio al Mister ducale veniva comminata una squalifica di quattro mesi per aver proferito frase razzista nei confronti di un giocatore di colore della squadra avversaria. Il Mister dell'Urbino si era professato fin da subito innocente, ma la terna arbitrale, sconfessando tutto e tutti, aveva verbalizzato il coinvolgimento di Ceccarini nell'episodio incriminato pur nella totale incertezza dell'episodio stesso e soprattutto non avendo mai direttamente constatato e udito l'epiteto razzista incriminato.

Dopo ventidue giorni di carte bollate e azioni legali la squalifica è stata definitivamente annullata.

Tale episodio ha però sicuramente lasciato degli strascichi, causando danni per l'immagine e l'onorabilità di Antonio Ceccarini nei suoi ambiti quotidiani. Non solo quelli famigliari ma anche quelli sportivi, in quanto parliamo di un allenatore con tanti anni di militanza nei campi di calcio che mai fino ad ora aveva avuto precedenti simili essendo un predicatore del rispetto dell'avversario in ogni sua forma. Ma soprattutto nell'ambito lavorativo perché parliamo di persona stimata in ogni contesto, seria, professionale e con grande dedizione al lavoro svolto in mezzo a ragazzi di tutte le etnie, razze e religioni. Ma la domanda in questi casi sorge spontanea, chi ripagherà il misfatto e soprattutto la macchia lasciata nella credibilità di una persona? È sufficiente rimarcare un semplice “scusa mi ero sbagliato” e affermare a distanza di pochi giorni dall'accaduto che di mero errore si era trattato? Troppo spesso nei nostri campi di calcio prendiamo atto di decisioni arbitrali forti che provocano reazioni altrettanto risonanti non solo da un punto di vista sportivo. Crediamo che in tutti i casi, maggiormente quando si tratta di argomenti a sfondo razziale, occorra sempre usare il buon senso, la sensibilità e l'umanità. Non sempre ai posteri l'ardua sentenza perché così facendo si possono gettare nello sconforto persone, famiglie, affetti e amicizie.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-04-2022 alle 17:06 sul giornale del 05 aprile 2022 - 226 letture

In questo articolo si parla di urbino, sport, calcio, eccellenza marche, squalifica, urbino calcio, urbino calcio 1921, comunicato stampa, antonio ceccarini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cXPs





logoEV