Fermignano modello europeo di inclusione sociale

3' di lettura 26/06/2022 - È per la sua capacità di accoglienza e integrazione, che Fermignano divrerrà case history da indagare e replicare in Europa.

Unico comune italiano a vincere il bando PISTE (Promoting the participation of migrants in the design and implementation of integration policies), che vede l’Università di Urbino Carlo Bo capofila di un articolato partenariato internazionale, con il coordinamento scientifico del professor Eduardo Barberis (Dipartimento di Economia Società e Politica). Esempio virtuoso di integrazione, per due anni luogo di sperimentazione di buone pratiche per l’inclusione sociale, Fermignano ha scelto di presentare il progetto all'interno dell'evento 'Popoli in Festa', il festival che celebra l'integrazione dei popoli e delle culture del pianeta. Incontri, performance, arti, spettacoli, musiche, danze, culture, artigianato, tradizioni gastronomiche, assaggi golosi e autentici, compongono il mosaico etnico attorno al quale si animerà il Festival giunto alla sua 4° edizione e che riunisce a Fermignano circa sette gruppi nativi diversi del pianeta da: Albania, Benin, Italia, Marocco, Nigeria, Senegal, Pakistan, Ucraina.

Ad aprire i lavori del convegno Monica Scaramucci, Assessora alle Politiche Educative ed Eventi con Othmane Yassine, Consigliere con delega su Politiche Europee e Inclusione Sociale, che ha seguito in prima linea il progetto 'Piste', Ubaldo Ragnoni, Assessore alla Cultura e Alba Angelucci, che si occupa del coordinamento delle azioni svolte su Fermignano.

“Per me si tratta di un grande risultato dopo un lavoro durato sei anni - ha dichirato il consigliere Othmane Yassine - ringrazio il docente Eduardo Barberis dell'Università di Urbino, con la quale Fermignano collabora da tempo, prima con la Carta dei Sindaci sull'inclusione sociale poi con una serie di attività dirette all'integrazione. Alba Angelucci è la persona che ha praticamente portato avanti il progetto sull'inclusione sociale, che rappresenta un elemento fondamentale per il benessere sociale, anche per una comunità piccola come la nostra. Lavoreremo in questi due anni incontrando le associazioni e le diverse etnie presenti qui e poi a metà ottobre incontremo tutti i partner europei coinvolti nel progetto. L'obiettivo è quello di far vivere alle future generazioni la diversità in modo molto diverso, un valore aggiunto piuttosto che un attacco alla propria sfera identitaria”.

“La commissione europea - ha dichiarato il professore Eduardo Barberis - ha deciso di finaziare il progetto proprio per il coinvolgimento di piccoli e medi comuni e per l'entità, ad esempio Fermignano vanta, in qualità di ente capofila con Gradara, la Carta dei sindaci sull'inclusione sociale nell'area euro-mediterranea, che coinvolge altri 42 comuni europei”.

Il progetto è risultato vincitore di una agguerrita call competitiva europea per progetti sul fondo Asylum, Migration and Integration (AMIF) dell’Unione Europea. La Commissione Europea ha finanziato il progetto per oltre 600mila euro, con l’obiettivo di analizzare, sostenere e migliorare le politiche di integrazione degli immigrati nei piccoli comuni europei. Durerà due anni e coinvolgerà, oltre ai ricercatori del DESP di Urbino, le università di Anversa (Belgio) ed Erfurt (Germania), la ONG Humanrights360 (Grecia) e i Comuni di Fermignano (Italia), Ninove (Belgio), Bebra (Germania) e Voio (Grecia).

“Il progetto - ha concluso il prof Barberis - ha l'obiettivo di costruire nuovi modelli di partecipazione attraverso esperienze, scambi ed esperimenti. L'ambizione è quella di arrivare ad un libro bianco, una sorta di manuale sull'integrazione per sperimentare iniziative e buone pratiche attraverso il confronto fra comuni portatori di istanze e problemi. Altro esito importante sarà quello di acquisire le linee guida e gli strumenti che serviranno per realizzare programmi mirati di integrazione e inclusione. Si darà vita a una policy che sarà occasione di confronto sull'integrazione”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-06-2022 alle 13:10 sul giornale del 26 giugno 2022 - 275 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermignano, integrazione, comune di fermignano, inclusione sociale, popoli in festa, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dc2O





logoEV
logoEV