Problema acqua, notizie incoraggianti dal convegno di Urbino

2' di lettura 15/07/2022 - Dal convegno sulla situazione idrica del nostro territorio, tenutosi ad Urbino lo scorso 9 luglio, e organizzato da Azione Pesaro-Urbino, con la partecipazione di autorità locali (tra cui il sindaco di Urbino Maurizio Gambini) e rappresentanti di Marche Multiservizi, Aset e Aato-1, sono emersi spunti di rilievo, e informazioni sulle strategie di lunga durata nella gestione delle acque, e che, senza sensazionalismi, e a partire da proiezioni oggettive ed approfondite, fanno ben sperare per il prossimo futuro, un decennio a venire in cui il territorio potrebbe trovarsi a fronteggiare una riduzione significativa della disponibilità di acque di superficie e di faglia, a causa dei cambiamenti climatici già in atto.

È stato evidenziato, già in premessa, dal moderatore Paolo Ragni, di Azione, che il problema non si prospetta come causato da una maggiore richiesta futura di acqua, in quanto è attesa, per il 2030 e 2050, una chiara riduzione della popolazione in provincia. Piuttosto, l'attenzione è sulla sicurezza di poter avere acqua disponibile quando subentreranno periodi di crisi di siccità, come ad esempio quello attuale. Quindi non "più acqua" ma "acqua sempre".

Allo scopo di trovare la strategia migliore per prevenire e fronteggiare tale problema, è emerso al convegno che Aato-1 è in procinto di affidare uno studio di analisi e progetto, ad eminenti esperti delle università di Bologna, Urbino, Padova ed Ancona, adottando quindi quell'approccio senza pregiudizi e fondato sulle competenze, che è tanto caro ad Azione e che ne costituisce il metodo di lavoro. In questo senso, tra le soluzioni che, dopo lo studio, e quindi a ragion veduta, potrebbero essere vagliate, esistono quella della creazione di numerosi laghetti di percorso lungo i principali fiumi, o quella della costruzione di un solo invaso artificiale, come avvenuto nella vicina Romagna, dove l'invaso appenninico di Ridracoli eroga acqua a gran parte del territorio, ed ha persino creato un indotto turistico non trascurabile.

Inoltre, grazie all'accordo con Enel Green Power, si è appreso al convegno con soddisfazione, che si è dato il via libera alla pulizia degli invasi esistenti su Candigliano e Metauro, allo scopo di stoccare più acqua.

Il principio però forse più rilevante e rassicurante emerso dal confronto tra le parti convenute ad Urbino, è che qualunque intervento dovrà essere scelto sulla base di criteri di efficacia, sostenibilità, e rapporto costi/benefici, all'interno di un percorso documentato e reso disponibile ad amministratori e cittadini, allo scopo di renderli partecipi della bontà della soluzione scelta.

Si può quindi concludere che gli organi che si devono occupare di programmare la gestione ed erogazione dell'acqua nel nostro territorio stanno lavorando in modo scientifico e con un orizzonte di medio-lungo periodo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-07-2022 alle 16:53 sul giornale del 15 luglio 2022 - 231 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, acqua, pesaro, emergenza idrica, azione, siccità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/df0y





logoEV
logoEV
qrcode