Siccità, dopo le abbondanti piogge dei giorni scorsi diminuita la portata di prelievo del Pozzo del Burano

pozzo del burano 1' di lettura 30/08/2022 - È stata diminuita la portata di prelievo del pozzo del Burano (Cagli): il Comitato provinciale di Protezione civile si è riunito ieri (lunedì 29 agosto) e ha deciso che, viste le abbondanti precipitazioni degli ultimi giorni, che hanno rimpinguato i corsi d’acqua della Provincia di Pesaro e Urbino, è possibile ridurre la portata di prelievo da 300 litri al secondo a 150 litri al secondo.

Non ci saranno, per il momento invece, modifiche sui prelievi al pozzo di Sant’Anna: in questo caso la portata di prelievo viene mantenuta a 150 litri al secondo.

L’assessorato alla Protezione Civile e Risorse idriche della Regione Marche sta monitorando la situazione in tutti i territori ed evidenza che rimane la necessità di fare un uso oculato delle risorse d’acqua, pur rilevando un miglioramento nell’ultimo periodo. La prossima settimana il Comitato provinciale di Protezione civile si riunirà nuovamente per analizzare la situazione: si valuterà la consistenza delle precipitazioni che sono previste nei prossimi giorni, lo stato degli invasi e i corpi d’acqua della provincia di Pesaro e Urbino, per poi decidere un’eventuale riduzione sulla portata di prelievo dei pozzi e il graduale ritorno alla normalità.

____
Vuoi ricevere le notizie di Vivere Urbino in tempo reale sul tuo smartphone tramite WhatsApp e Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 3714499877 alla tua rubrica ed invia il messaggio "Notizie ON".
Per Telegram vai su https://t.me/vivereurbino e clicca su "Unisciti".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-08-2022 alle 12:44 sul giornale del 30 agosto 2022 - 211 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, urbino, cagli, pesaro, marche, fiume burano, siccità, pozzo del burano, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dm40





logoEV
logoEV