Paolini: "Riscaldamento scuole e caro bollette, serve fronte comune"

4' di lettura 14/10/2022 - «Nei prossimi giorni parteciperemo a un’assemblea specifica dell’Upi (Unione Province d’Italia) convocata a Roma, in cui si discuterà dei grandi problemi legati all’aumento dei costi delle materie prime, dell’energia e dell’inflazione. Tutti gli enti locali sono nella stessa situazione».

Lo ha detto il presidente Giuseppe Paolini nel consiglio straordinario convocato sul tema, aggiungendo che «presto organizzeremo un incontro con presidi, sindacati, sindaci, Ami e Adriabus per valutare come è possibile andare incontro a una situazione che definire allarmante è poco. Inviteremo anche le rappresentanze degli studenti». Il calo delle entrate, ha sottolineato Paolini, che si è soffermato sulla relazione stilata dal direttore generale Marco Domenicucci, riguarda per la Provincia «mezzo milione in meno alla voce Rc auto e due milioni e mezzo di euro in meno (di cui 500mila euro già eliminati in sede di assestamento a luglio, ndr) sull’Ipt». C’è poi l’aumento dei tassi di interesse, «con maggiori oneri per il bilancio provinciale di 63mila euro sul 2022, 801mila euro sul 2023 e 834mila euro sul 2024». Quindi l’energia elettrica: «Ad agosto è entrato in vigore il nuovo contratto Consip, con conseguente esplosione della fatturazione mensile. Per gli uffici provinciali, siamo passati dai 6812 euro di luglio ai 37mila euro di agosto. Per gli edifici scolastici, la bolletta del mese di agosto ha raggiunto 85mila e 500 euro, a fronte dei 18mila e 500 euro di luglio». Capitolo riscaldamento scuole: «Spese straordinariamente lievitate: da ottobre ad aprile del prossimo anno si stima un costo di quattro milioni e 100mila euro, rispetto al milione di euro riferito allo stesso periodo dell’anno precedente. Restano 616mila euro circa a bilancio per coprire le spese del riscaldamento fino al termine di dicembre. La ditta aggiudicataria del contratto di Global Service, che gestisce il servizio del calore per l’Ente, ha richiesto inoltre pagamenti mensili. Entro 30 giorni dalla fatturazione». Il presidente ha annunciato una soluzione tampone: «Da qui a fine anno si è concordato di trasformare in ore calore per circa 800mila euro alcune migliorie, non ancora eseguite, che la ditta si era precedentemente impegnata a realizzare in favore della Provincia». Questo, ha osservato Paolini, «dovrebbe consentire di garantire il riscaldamento fino a fine anno, senza effettuare tagli conseguenti alla riduzione delle entrate».

LA SINTESI - «Emerge quindi con chiarezza la situazione di grave sofferenza del bilancio provinciale, il cui equilibrio al momento non è più garantito. Si riscontra un importante calo delle entrate per circa tre milioni rispetto alla previsione iniziale. E un notevole aumento di alcune importanti voci di spesa. E’ assolutamente necessario un intervento dello Stato - ha rimarcato il presidente -, altrimenti diventerà difficile impostare il prossimo bilancio di previsione». Nel frattempo, ha chiarito Paolini, «bisogna mettere in campo tutte le azioni possibili per contenere i consumi energetici». In particolare, per gli edifici scolastici, «organizzeremo incontri con i presidi per concordare con loro interventi finalizzati al risparmio energetico. Come ridurre le ore di calore, abbassare di un grado o due la temperatura, evitare le riunioni dopo le cinque del pomeriggio o in orario serale. E gli incontri con i genitori potrebbero essere tenuti in videoconferenza. Pensiamo anche a palestre riscaldate solo per le attività delle scuole o dei gruppi con diversamente abili o anziani. E non per gli altri utilizzi pomeridiani. Ma di tutto questo ne discuteremo insieme: vogliamo coinvolgere nella sensibilizzazione anche le rappresentanze degli studenti, per accrescere la consapevolezza». Infine: «Costituiremo un gruppo di lavoro coordinato dalla direzione generale per valutare investimenti finalizzati a rendere alcune strutture autonome sul piano energetico. Tramite impianti fotovoltaici, geotermici ed altre tecnologie, verificando la possibilità di intercettare finanziamenti agevolati o a fondo perduto».

LE VOCI - Richiama al fronte comune Palmiro Ucchielli (La Casa dei Comuni): «Necessario fare squadra, sia verso la Regione che verso lo Stato». Domenico Carbone (Provincia in Comune): «Bene gli incontri con i sindaci e i dirigenti scolastici. Gli sprechi ci sono sempre stati e vanno ridotti. Ma non si faccia pagare questa crisi agli studenti». Chiara Panicali (Casa dei Comuni): «La scelta di valutare come gestire al meglio le risorse energetiche è una necessità e allo stesso tempo una presa di consapevolezza. Non si tratta di una punizione per i ragazzi: il problema è generale e riguarda tutti. Dobbiamo unirci insieme». Maurizio Gambini (Casa dei Comuni): «Si valuti la possibilità di uscita dall’appalto calore. Si può fare se si realizzano impianti che ci rendono autonomi sul fronte energetico, anche con investimenti tramite mutui con Cassa depositi e prestiti. Serve una riflessione». Mentre Roberto Biagiotti (Gruppo Misto), tra l’altro, propone: «Verifichiamo la fattibilità della caldaia a legna, individuando una o due scuole pilota. Se non possiamo permetterci il metano sarebbe un’alternativa. Non è una soluzione ma rappresenterebbe un piccolo sostegno». Collegata anche una rappresentanza di sindaci e presidi in videoconferenza, non intervenuti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2022 alle 19:40 sul giornale del 14 ottobre 2022 - 76 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, urbino, pesaro, provincia di pesaro e urbino, scuole, rincari, riscaldamento, pesaro e urbino, comunicato stampa, caro bollette

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dwar





logoEV
logoEV
qrcode