Cagli, trentasettenne tenta di lanciarsi nel vuoto, salvata dal marito

1' di lettura 03/11/2022 - Paura nella serata di ieri, mercoledì 2 novembre, a Cagli, dove una donna ha cercato di lanciarsi nel vuoto dal balcone del proprio appartamento, situato al terzo piano di un palazzo.

La donna, una trentasettenne di origine albanese, è stata salvata dall'intervento del marito, che insospettito dal suo comportamento l'ha seguita ed è riuscito a prenderla per un braccio.

La trentasettenne è rimasta a penzoloni per almeno venti minuti, fino all'intervento dei vigili del fuoco, allertati dai vicini in seguito alle urla dell'uomo.

Dopo essere stata tratta in salvo, la donna è stata affidata al personale medico del 118 che l'ha condotta all'Ospedale di Urbino.

Sulla vicenda indagano i carabinieri, ma da quanto si apprende potrebbe trattarsi di depressione post partum.

____
Vuoi ricevere le notizie di Vivere Urbino in tempo reale sul tuo smartphone tramite WhatsApp e Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 3714499877 alla tua rubrica ed invia il messaggio "Notizie ON".
Per Telegram vai su https://t.me/vivereurbino e clicca su "Unisciti".






Questo è un articolo pubblicato il 03-11-2022 alle 23:40 sul giornale del 03 novembre 2022 - 808 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vigili del fuoco, cagli, tentato suicidio, vivere urbino, articolo, antonio mancino, depressione post partum

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dAsA





logoEV
logoEV
qrcode