L'Università di Urbino riconosce l'identità di genere anche sul diploma di laurea, a Francesco Cicconetti il nuovo certificato

2' di lettura 17/05/2024 - “Conferiamo a Francesco Cicconetti la laurea in Lingue e culture straniere”. Recità così il suo nuovo diploma di laurea, a 6 anni di distanza dal conseguimento del titolo e, soprattutto, a seguito del suo percorso di transizione.

Oggi, in occasione della Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia e della presentazione del libro Scheletro Femmina, che racconta la sua storia, è avvenuta la consegna della pergamena da parte del rettore dell’Università di Urbino, Giorgio Calcagnini e del prorettore alla didattica Giovanni Boccia Artieri.

“Abbiamo avviato da tempo la costruzione di un progetto sulla sostenibilità - ha detto il rettore - termine che normalmente viene associato all’ambiente. Noi la consideriamo la caratteristica di una comunità aperta e che cresce. Riteniamo inoltre che le differenze siano un valore. Se stiamo riuscendo in questo obiettivo è grazie alla professoressa Viganò, prorettrice alla Sostenibilità e alla Valorizzazione delle Differenze, e al personale tecnico amministrativo”.

Francesco Cicconetti, oggi divulgatore e creator molto conosciuto sui social, in tv e sulla stampa, voce affermata del movimento LGBTQIA+, ha esordito emozionato di tornare nel suo Ateneo “seduto dall’altra parte”. “L’Università - ha aggiunto - non può rivoluzionare la società, ma può attuare delle pratiche per le persone trans”. Poi ha ripercorso alcuni passaggi fondamentali della sua vita, come quello del coming out: “È un enorme atto di fiducia e un rischio, - ha detto - si ha paura di non essere amati come prima. Io ho usato solo una frase: sono un ragazzo trans, magari ne parliamo. Non è scontato avere una rete familiare così solida come la mia. Questo è il motivo che mi permette di fare divulgazione e mi fa sentire sicuro”. Nel racconto non sono mancati gli anni “turbolenti” dell’Università, durante i quali “ho fatto i conti con la mia identità”, fino ad oggi: “Si pensa ancora che le persone trans siano riconoscibili, fatte in un certo modo… Ho una vita normale, ho una ragazza con cui convivo, un cane, addirittura la moto”.

In Italia a disciplinare la riassegnazione di sesso e genere anagrafico è la legge 164, modificata dal decreto legislativo 15 del 2011. Ed è alla luce di una sentenza che Francesco Cicconetti ha potuto “chiudere il cerchio” cambiando il proprio nome sul diploma di laurea. “Finalmente - ha detto al momento della consegna - potrò appenderla”.

“Oggi - il commento del professor Giovanni Boccia Artieri, che ha dialogato con l’autore - saniamo una ferita. Lo facciamo nella Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia, istituita il 17 maggio 1989, giorno in cui l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha rimosso l'omosessualità dalla lista delle malattie mentali, perché ci sono ancora persone che credono di poter affermare i propri diritti calpestando quelli degli altri”.

____
Vuoi ricevere le notizie di Vivere Urbino in tempo reale sul tuo smartphone tramite WhatsApp e Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 3714499877 alla tua rubrica ed invia il messaggio "Notizie ON".
Per Telegram vai su https://t.me/vivereurbino e clicca su "Unisciti".


   

da Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo"
www.uniurb.it







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-05-2024 alle 18:01 sul giornale del 18 maggio 2024 - 1646 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, università di urbino, uniurb, comunicato stampa, identità di genere, francesco cicconetti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/e4EY





logoEV
logoEV
qrcode