...

Meno consumi interni, più importazioni di prodotto estero e ora anche i rincari delle materie prime. In vista della convocazione per il 30 settembre del tavolo nazionale sulla filiera lattiero casearie nelle Marche si contano le macerie di un settore che negli anni ha segnato il passo nei confronti della concorrenza con la produzione di latte e di formaggi a registrare una diminuzione lenta e, finora, inesorabile.



...

C’è chi ha sfidato il Covid mettendo su 4 ruote la sua attività per poter raggiungere i clienti chiusi dal lockdown e chi alleva rapaci per disinfestazioni e spettacoli. C’è l’azienda agricola che accompagna i visitatori alla scoperta dell’Appennino allestendo campi base con tanto di degustazioni e colazione e chi ha abbattuto le barriere architettoniche della propria fattoria per renderla accessibile anche ai diversamente abili.


...

“Oltre 111mila ettari in biologico, uno su quattro nelle Marche e più 4mila operatori certificano la costante crescita di un settore di eccellenza per la nostra regione e la bontà del Distretto Unico del Bio marchigiano, un’idea vincente della Regione Marche che abbiamo sostenuto fin dall’inizio e promosso tra le nostre aziende che hanno aderito in maniera massiccia: circa il 50% delle adesioni sono aziende nostre socie”.




...

Oltre mille le firme già raccolte in pochi giorni e la petizione continua con la riapertura degli uffici di Coldiretti in tutta la regione. Il no al consumo di suolo per impedire l’installazione di pannelli fotovoltaici a terra e alla sottrazione di terreno agricolo arriva dalla petizione lanciata il mese scorso da Coldiretti Giovani Impresa.





...

Mancano altri 145 ettari di suolo libero nella nostra regione ma in controtendenza rispetto all’andamento nazionale crescono quelli destinati all’agricoltura. È la fotografia delle Marche secondo l’Ispra che nel suo report annuale sul consumo di suolo registra la scomparsa di territorio libero da costruzioni pari a 203 campi da calcio tra il 2019 e il 2020.



...

Ormai possiamo considerare la Coldiretti alla stessa stregua di un’associazione venatoria, visto che le sue richieste, come quelle sui cinghiali, di fatto, non tutelano né chi lavora in campagna e neppure i cittadini, ma fanno solo gli interessi di quella parte del mondo agricolo che si tiene ben stretta la licenza di caccia e non aspetta altro che poterla usare 365 giorni all’anno!


...

“Sostegno e piena adesione della Regione Marche alla manifestazione di Coldiretti sul tema del contenimento e controllo faunistico con particolare riferimento al cinghiale”. Con queste parole il vicepresidente e assessore all’Agricoltura e alla Caccia Mirco Carloni è intervenuto questa mattina al flash mob di Coldiretti Marche che si è svolto di fronte a Palazzo Raffello ad Ancona.
















...

Dopo aver rinunciato alla seconda Pasqua consecutiva e con la chiusura prolungata per tutto aprile prosegue e si aggrava la crisi degli oltre 1000 agriturismi marchigiani. La primavera è infatti la stagione preferita dagli italiani per gite fuori porta e scampagnate e, nell’impossibilità di ospitare persone, il solo servizio a domicilio o l’asporto non bastano per coprire le perdite.



...

Nel corso degli ultimi anni il consumo di uova è cresciuto nelle Marche e nell’anno del Covid è arrivato, come nel resto d’Italia, a un vero e proprio boom. E se la spesa alimentare da parte degli italiani è cresciuta del 15% nel corso del 2020, i marchigiani che dicono di mangiare questo alimento più di una volta alla settimana sono passati dal 56% a oltre il 68% negli ultimi 10 anni, secondo uno studio Coldiretti su dati Istat in vista della Pasqua.